L'aggressore è stato arrestato

·2 minuto per la lettura
Sparatoria
Sparatoria

Un uomo è stato arrestato per la terribile sparatoria in ospedale a Philadelphia. Il bilancio è di una vittima.

Sparatoria in ospedale a Philadelphia: arrestato l’aggressore

La terribile sparatoria avvenuta all’interno dell’ospedale Thomas Jefferson di Philadelphia si è conclusa con il ferimento e l’arresto dell’aggressore. Il bilancio è di una vittima. L’uomo, con inodsso un camice e una mascherina, ha iniziato a sparare al nono piano della struttura, uccidendo un uomo, per poi darsi alla fuga, inseguito dalla polizia. Il fatto è accaduto nella notte tra domenica 3 e lunedì 4 ottobre 2021. L’uomo è fuggito a bordo di un camioncino, che poco dopo ha abbandonato. È stato ferito durante una sparatoria con gli agenti e poi arrestato.

Sparatoria in ospedale a Philadelphia: uccisa una persona

La sparatoria è iniziata poco dopo la mezzanotte, al nono piano dell’ospedale di Philadelphia. Un uomo, che indossava un camice da medico e una mascherina, ha iniziato a sparare contro una persona di cui per il momento non è stata comunicata l’identità. Non è ancora chiaro se si trattasse di un paziente ricoverato nella struttura. La vittima è morta sul colpo e purtroppo i medici non hanno potuto fare nulla per salvarlo. L’aggressore ha subito abbandonato l’ospedale, fuggendo a bordo di un camioncino parcheggiato all’esterno.

Sparatoria in ospedale a Philadelphia: due agenti feriti

La caccia all’uomo è iniziata subito, per le strade della città. Gli agenti hanno individuato il camioncino e l’aggressore lo ha abbandonato e ha iniziato a sparare. Due agenti sono rimasti feriti, ma fortunatamente non sono in pericolo di vita. L’aggressore è stato ferito durante la sparatoria e poi arrestato. Al momento non si conoscono le sue generalità e i motivi per cui ha deciso di sparare in ospedale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli