L'allarme del direttore della Struttura di Malattie Infettive presso l’Ospedale Sacco di Milano

·1 minuto per la lettura
Massimo Galli
Massimo Galli

Massimo Galli, direttore della Struttura di Malattie Infettive presso l’Ospedale Sacco di Milano, ha rilasciato un’intervista a L’aria che tira, su La7, e ha parlato del Covid e della chiusura delle scuole. L’infettivologo ha lanciato un vero e proprio allarme, perché la situazione è di nuovo preoccupante.

Le parole di Galli

Io ho sempre considerato un’ipocrisia continuare a dire che le scuole sono un ambito sicuro: non lo sono mai state, sia per quanto riguarda l’interno che tutto quello che vi ruota intorno” ha spiegato Massimo Galli, che ha voluto sottolineare che i contagi sono sempre più alti, soprattutto con la diffusione delle nuove varianti. “In questo momento, nelle condizioni con problemi di criticità, considerando che le prime principali epidemie sono state riscontate in ambito scolastico, certe decisioni credo che non siano evitabili” ha aggiunto il professore, convinto che le scuole debbano essere chiuse al più presto. “Lo dico con la morte nel cuore, perché sono il primo a pensare che la scuola non in presenza è tremenda, è una grande iattura. Ma cosa possiamo farci: c’è una guerra in corso” ha aggiunto l’infettivologo.

Massimo Galli non ha dubbi sulla decisione che il Governo dovrebbe prendere al più presto: le scuole devono chiudere. Recentemente sono scoppiati molti focolai in vari istituti italiani e la fascia dei più giovani sembra essere maggiormente colpita dalle varianti del Covid. La scuola in questo momento, secondo l’esperto, non è un luogo sicuro e proprio per questo sarebbe meglio passare direttamente alla didattica a distanza. Galli è convinto che l’unico modo per uscire da questa pandemia sia il vaccino.