L'Alto Adige fa retromarcia e chiude bar e ristoranti alle 18

marco marangoni
·1 minuto per la lettura

AGI  – L'Alto Adige inasprisce le misure e si rifà al Dpcm governativo: da sabato bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie e negozi (generi alimentari esclusi) chiuderanno alle ore 18 e non più alle ore 20 o 22 come da ordinanza del governatore. Il coprifuoco scatterà alle ore 22 e terminerà alle 5 del mattino.

Le  nuove misure sono state prese questa mattina dalla giunta provinciale altoatesina presieduta da Arno Kompatscher. Si passa quindi dalla linea soft a una linea più dura sul modello applicato  in Italia ma anche in Germania e tra poche ore dall'Austria.

In provincia di Bolzano dunque da sabato cambieranno molte cose. Basta l'approccio morbido seguendo la legge provinciale che prevedeva l'apertura fino alle ore 22 dei ristoranti e bar fino alle 20: tutto verrà parificato al Dpcm governativo.

Sarà consentito il take away. I negozi di generi alimentari resteranno chiusi la domenica. 

Il governatore altoatesino Arno Kompatscher ha annunciato che “a seguito dell'andamento epidemiologico, l'ordinanza (quella di domenica, ndr) è superata e ci muoviamo in linea con la Germania e l'Austria”.

Considerando che la prossima settimana le scuole in Alto Adige sono chiuse, Kompatscher ha aggiunto, “la settimana di ferie scolastiche va sfruttava per salvaguardare lavoro e attività economiche principali”.

Rispetto alla precedente ordinanza la giunta ha deciso di chiudere cinema e teatri, non consentire eventi pubblici e feste provate, nonché far svolgere attività per cori e gruppi musicali.