Powell conferma il rialzo dei tassi e affonda Wall Street

no credit

AGI - La Federal Reserve deve continuare ad aumentare i tassi d'interesse e mantenerli a un livello più alto fino a quando "non sarà sicura che l'inflazione sia sotto controllo, consapevole che un tale processo rischia di "causare un certo dolore alle famiglie e alle imprese".

Lo ha affermato il presidente della Fed, Jerome Powell, nell'atteso discorso al simposio di Jackson Hole. "Sebbene - ha affermato Powell - tassi di interesse più elevati, crescita più lenta e condizioni del mercato del lavoro più deboli ridurranno l'inflazione, arrecheranno anche un po' di sofferenza alle famiglie e alle imprese. Questi sono gli sfortunati costi della riduzione dell'inflazione. Ma il mancato ripristino della stabilità dei prezzi significherebbe un dolore molto maggiore".

I funzionari della Fed hanno aumentato il tasso di riferimento sui Fed Funds di 0,75 punti percentuali in ciascuno degli ultimi due incontri, l'ultimo a luglio, a un intervallo compreso tra il 2,25% e il 2,5%. L'attuale ritmo rappresenta l'aumento più rapido dei tassi d'interesse a breve termine da quando la banca centrale ha iniziato a utilizzare il tasso sui fondi federali come obiettivo nei primi anni '90.

Il Fomc ha convenuto durante la riunione del mese scorso che dovrà continuare ad aumentare i tassi. Ma ha segnalato una maggiore cautela sul ritmo dei futuri rialzi, con alcuni funzionari più nervosi per la stretta molto aggressiva. è probabile che valuteranno se aumentare i tassi di mezzo punto o 0,75 punti nella prossima riunione, il 20-21 settembre, dopo aver raggiunto il consenso quest'estate sul fatto che i tassi dovrebbero raggiungere livelli tali da rallentare la crescita dell'economia per frenare investimenti, spese e assunzioni.

Nel suo discorso, Powell ha sottolineato che l'economia "continua a mostrare un forte slancio di fondo", nonostante alcuni segnali contrastanti sulla crescita. L'inflazione ha frenato a luglio, con prezzi complessivi in calo dello 0,1% da giugno, secondo l'indicatore preferito della Fed arrivato oggi, ossia l'indice dei prezzi delle spese per consumi personali.

Ma Powell ha affermato che il miglioramento di un mese "non è molto al di sotto" di ciò che la Fed "dovrà vedere prima di essere fiduciosi che l'inflazione stia scendendo". Powell non ha commentato direttamente le prospettive per il meeting di settembre e ha ampiamente ripetuto i punti che aveva espresso in conferenza stampa il mese scorso.

La prossima decisione sul tasso "dipenderà dalla totalità dei dati in arrivo e dalle prospettive in evoluzione", ha ribadito. E ha aggiunto: "A un certo punto, con l'ulteriore inasprimento della politica monetaria, sarà probabilmente opportuno rallentare il ritmo degli rialzi".

"Stiamo spostando di proposito la nostra posizione politica a un livello che sarà sufficientemente restrittivo per riportare l'inflazione al 2%", ha detto ancora Powell. Mentre l'attuale impostazione dei tassi della Fed è in una zona "neutra" che gli economisti si aspettano non accelererebbe nè rallenterebbe la crescita quando questa è ben bilanciata, un tale livello dei tassi "non è un luogo dove fermarsi" quando l'inflazione è così alta e il mercato del lavoro è così stretto, ha detto Powell.

Quindi il numero uno della Fed ha citato le proiezioni fatte a giugno dal board in cui la maggior parte pensava di dover alzare i tassi leggermente al di sotto del 4% fino alla fine del prossimo anno, il che sembrava respingere le recenti aspettative di alcuni investitori secondo cui la Fed avrebbe ruotato più rapidamente verso taglio dei tassi l'anno prossimo. "Continueremo fino a quando non saremo sicuri che il lavoro è finito", ha spiegato.

È probabile che ridurre l'inflazione "richieda di mantenere una posizione politica restrittiva per qualche tempo", ha aggiunto, avvertendo che "il record storico (dell'inflazione, ndr.) mette fortemente in guardia contro un allentamento prematuro della politica". Powell ha dedicato la maggior parte del discorso di Jackson Hole a spiegare perché le banche centrali non potevano sottrarsi al compito di contrastare l'inflazione elevata. Tra i banchieri in platea erano presenti i capi delle banche centrali di Regno Unito, Canada, Giappone, Norvegia e Nuova Zelanda.

Anche se parte dell'attuale alta inflazione riflette i vincoli nella capacità dell'economia di fornire beni, servizi e lavoratori, Powell ha affermato che la Fed non potrebbe citare questi motivi come ragioni per non aumentare i tassi d'interesse, come hanno suggerito alcuni funzionari. "La nostra responsabilità di garantire la stabilità dei prezzi è incondizionata", ha affermato. "Ci impegniamo a fare quel lavoro".

Sprofonda Wall Street

Seduta pesante per Wall Street che sprofonda dopo le parole di Jerome Powell a Jackson Hole. Il Nasdaq sprofonda del 3,94% a 12.141 punti, il Dow Jones cede il 3,03% a 32.383 punti mentre lo S&P 500 perde il 3,37% a 4.057 punti