L'ambasciata americana avvertì Blinken del rischio collasso in Afghanistan

·1 minuto per la lettura

Ventitré appartenenti all'ambasciata americana a Kabul avevano firmato un dispaccio inviato, il 13 luglio, al segretario di Stato Antony Blinken in cui segnalavano il rischio di un possibile collasso, subito dopo il ritiro americano dall'Afghanistan. Lo riporta il Wall Street Journal.

I diplomatici avevano messo in guardia Blinken dalla rapida avanzata dei talebani e avvertito che le forze regolari afghane stavano cedendo. I documenti confermano che gli Stati Uniti erano a conoscenza della crisi a cui sarebbero andati incontro, ma nonostante questo non si sono fermati.ù

Il dispaccio, secondo il giornale finanziario, venne mandato a Blinken e al direttore per la pianificazione politica Salman Ahmad. Il segretario di Stato avrebbe dato velocemente un'occhiata al documento.

Intanto i talebani riconoscono alla Cina un "grande ruolo" nella ricostruzione dell'Afghanistan. Lo ha dichiarato il portavoce degli studenti coranici al potere nel Paese, Suhail Shaheen, in un'intervista a Cgtn Europe, la divisione europea dell'emittente televisiva statale cinese China Global Television Network. 

"La Cina è un grande Paese con un'enorme economia e capacità - ha scandito il portavoce dei talebani - e penso che possa giocare un ruolo molto grande nella ricostruzione e nel recupero dell'Afghanistan. Possono avere quel ruolo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli