L'ambasciata Usa suggerisce ai connazionali di non venire in Italia: cautela per criminalità

·2 minuto per la lettura
L'ambasciata Usa getta l'allarme: "Non viaggiate in Italia"
L'ambasciata Usa getta l'allarme: "Non viaggiate in Italia"

Gli Stati Uniti raccomandano ai connazionali di non viaggiare in Italia elevando a livello massimo, ossia il 4, il rischio Covid, così come fatto con l’80% dei Paesi mondiali. Mentre arriva il nuovo Dpcm sulle riaperture, ecco quanto si legge sul sito dell’ambasciata Usa a Roma, dove compare un ‘Travel Advisory‘ datato 20 aprile 2021.

LEGGI ANCHE>> Usa, vaccino Covid a tutti gli adulti da oggi: l’annuncio del presidente Biden.

L’avviso dall’ambasciata Usa ai connazionali: “Non viaggiate in Italia”

Nello stesso avviso, inoltre, si ricorda agli americani di usare una maggiore cautela contro il rischio potenziale di attentati terroristici sul suolo italiano. Si ribadiscono le indicazioni già diffuse negli anni scorsi dal dipartimento di Stato Usa, a seguito degli attacchi terroristici in Europa.

I Centri di controllo e prevenzione delle malattie (Cdc) hanno emesso un nota sanitaria di livello 4 per l’Italia a causa del Covid 19, indicando un livello molto alto di coronavirus nel Paese e sono in vigore restrizioni che riguardano l’ingresso dei cittadini americani in Italia. In Italia esiste un rischio di lunga data rappresentato dai gruppi terroristici, che continuano a pianificare possibili attacchi. I terroristi potrebbero attaccare con poco o nessun preavviso, colpendo le località turistiche, gli hub dei trasporti, i mercati e i centri commerciali, le sedi dei governi locali, hotel, club, ristoranti, luoghi di preghiera, parchi, eventi culturali e sportivi, istituzioni educative, aeroporti e altre aree pubbliche“.

L’ambasciata conclude non a caso con delle raccomandazioni a chi, nonostante ciò, scegliesse di viaggiare in Italia. Tra queste si legge di fare attenzione all’ambiente circostante mentre si viaggia in luoghi turistici o in negozi pubblici affollati oppure di seguire le istruzioni delle autorità locali. Oppure ancora di preparare un piano B in caso di situazioni d’emergenza.

LEGGI ANCHE>> Terrorismo: ecco quali sono i paesi più a rischio.