L'amicizia e il coraggio, la storia di Falcone e Borsellino raccontata ai ragazzi

(Adnkronos) - Un storia di grande amicizia, solidarietà, vicinanza. E' quella che ha unito i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, uccisi dalla mafia nel 1992, che il sociologo e criminologo Fabio Iadeluca vuole raccontare ai ragazzi di oggi. Nasce da qui il volume 'Falcone e Borsellino. Storia di amicizia e coraggio' (Armando Curcio Editore), pensato in particolare per chi ha circa 11 anni, che arriva in libreria in occasione dei trent'anni dalla morte di Falcone e Paolo Borsellino, saltato in aria insieme alla sua scorta nell'attentato di via D'Amelio a Palermo il 19 luglio del 1992.

Inserito nella collana 'Curcio young' ed impreziosito dalla prefazione di Rosy Bindi, già presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, il libro ricorda quanto indelebile sia il segno che hanno lasciato Falcone e Borsellino e che a distanza di 30 anni. All’interno dell’opera è riportato un estratto del discorso che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella fece per le commemorazioni delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio.

"La mafia - scandì il Capo dello Stato - volle eliminarli non soltanto per la loro competenza nella lotta alla criminalità organizzata, per la loro efficienza, per la loro conoscenza dei metodi e delle prassi del crimine organizzato, li assassinò perché erano anche simboli di legalità, di intransigenza, di coraggio, di determinazione".

Tra illustrazione, schemi e mappe, il libro diviso in quattro parti racconta prima la vita di Giovanni Falcone dall’infanzia, agli studi, all’ingresso in magistratura, agli incarichi, al Pool Antimafia, al Maxi Processo e a Cosa Nostra, fino alla strage di Capaci. Nella seconda parte Fabio Iadeluca, racconta la storia di Paolo Borsellino: vita, amicizia con Falcone, fino alla strage di Via D’Amelio a Palermo.

Nella terza e nella quarta parte l’autore parla della presenza di Cosa Nostra a Palermo e nelle province e, con l’ausilio dell'illustratore Filippo Barbacini, in quest’opera si possono vedere tracciate le regioni, le cosche, le suddivisioni, le famiglie, nonché leggere la narrazione di quelle che furono le strategie mafiose in anni bui della storia italiana, dal 1992 al 1993.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli