Lampedusa, "Io sopravvissuto, ma ho visto donne e bimbi annegare"

Lampedusa, 8 ott. (askanews) - "C'erano tanti bambini, tante donne e non sono sopravvissuti". Sono drammatiche le testimonianze

dei superstiti al naufragio avvenuto la notte tra domenica 6 e

lunedì 7 ottobre a 6 miglia da Lampedusa. Come quella di Romeo, cemerunense di 27 anni, un giovane migrante che si è salvato grazie all'intervento dei soccorsi.

"Abbiamo chiamato i soccorsi e dopo dieci minuti sono arrivati da noi", ha spiegato. "E' grazie a loro che siamo sopravvissuti, altrimenti saremmo andati tutti a fondo. Ero nel barcone quando è iniziato il naufragio, non so, eravamo una seessantina circa sull'imbarcazione. Quando sono arrivati i soccorsi, abbiamo atteso che ci aiutassero. E' accaduto questo, il barcone ci avrebbe riversati tutti in fondo al mare. Tra i superstiti siamo tre ragazzi. Gli altri sono finiti in mare. E' troppo difficile da raccontare, sono senza fiato e non ho la forza di esprimermi meglio. C'erano tanti bambini, dei minori che sono finiti in mare e non sono sopravvissuti. Molte donne sono morte, sono morte. Noi siamo 12, sopravviveremo"