Landini: quello che divide il paese non è lo sciopero ma evasione

·1 minuto per la lettura
featured 1552232
featured 1552232

Milano, 16 dic. (askanews) – “Ma voi capite che questa è un’ingiustizia: oggi non è il momento di dare di più a chi già ha, oggi è il momento di tutelare i redditi e le pensioni basse, di chi non ce la fa ad arrivare alla fine del mese”.

Così il leader della Cgil, Maurizio Landini che ha raggiunto piazza del Popolo a Roma per lo sciopero proclamato insieme con la Uil contro la manovra.

Landini sottolinea che sta aumentando la distanza tra il palazzo della politica e il Paese: “Noi stiamo dando voce a chi invece vuole che in questo Paese si affermi la giustizia sociale e perché il mondo del lavoro torni a essere centrale”, dice.

“Quello che divide il Paese non è lo sciopero. Quello che divide il Paese è l’evasione fiscale che non viene combattuta”.

Landini ha anche detto che i sindacati sono stati convocati lunedì prossimo sulle pensioni, sull’avvio della riforma Fornero. Secondo il sindacalista non tutto finisce con la legge di bilancio. È solo l’inizio, per cambiare quanto a suo dire è stato fatto di sbagliato in questi anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli