L'annuncio del premier Jacinda Ardern

·3 minuto per la lettura
Jacinda Ardern
Jacinda Ardern

La Nuova Zelanda farà una settimana di lockdown per un caso di Covid emerso nella città di Auckland. Saranno sette giorni di chiusure e restrizioni, come è già capitato in passato. Per il resto della nazione il blocco per il momento sarà di soli tre giorni, per cercare di contenere la situazione contagi.

Nuova Zelanda, lockdown di una settimana

La premier della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern, ha annunciato alla popolazione un lockdown a livello nazionale della durata di una settimana. La decisione è stata presa dopo che è stato segnalato un primo caso di Covid in sei mesi ad Auckland, la città più grande del Paese. Questo lockdown terrà l’intera città e tutta la penisola di Coromandel completamente bloccate per sette giorni. Il resto della nazione, invece, per il momento avrà un blocco di tre giorni. “Abbiamo visto cosa succede altrove se non riusciamo ad arrivare prima. Abbiamo solo una possibilità” ha dichiarato Jacinda Ardern. Erano ben sei mesi che la situazione in Nuova Zelanda era particolarmente tranquilla. Non venivano registrati contagi da febbraio 2021. L’ultimo caso segnalato è stato il 28 febbraio scorso, per questo ora hanno deciso di agire immediatamente.

Nuova Zelanda: cosa prevede il lockdown

La Nuova Zelanda è pronta ad adottare nuove misure e nuove restrizioni. Stiamo parlando di tre giorni di lockdown per l’intero Paese e di sette giorni di lockdown per la città di Auckland e la penisola di Coromandel, dove è stato registrato il primo caso di Covid, più precisamente di variante Delta, dallo scorso febbraio. I cittadini non potranno uscire di casa, se non per necessità. Tra queste si parla di fare la spesa e attività fisica, per esempio. Dovranno cercare di stare più tempo possibile nella propria abitazione, evitando completamente qualsiasi tipo di incontro con gli altri. Le persone hanno già iniziato a recarsi immediatamente nei supermercati per comprare tutti i prodotti di prima necessità, in modo da non uscire più di casa per l’intera settimana. In tutto il Paese è stata sospesa la campagna vaccinale, fino alla fine del lockdown.

Nuova Zelanda: chiusi i confini fino a dicembre 2021

Poco tempo fa, Jacinda Ardern, primo ministro della Nuova Zelanda, aveva annunciato che i confini del Paese sarebbero rimasti chiusi fino a dicembre 2021. Lo scopo è portare avanti la gestione efficace della pandemia, che finora ha permesso di avere solo 26 morti su cinque milioni di abitanti. Il premier ha sottolineato che non sono ancora pronti per rimettere la Nuova Zelanda in contatto con il mondo. I confini rimarranno chiusi fino a dicembre 2021, dopodiché i viaggiatori vaccinati provenienti da zone a basso rischio potranno entrare senza quarantena, mentre gli altri dovranno isolarsi per 14 giorni. I turisti dovranno sempre sottoporsi ad un tampone prima di entrare nel Paese. Intanto la Nuova Zelanda sta affrontando questo nuovo breve lockdown per fermare fin da subito la diffusione dei contagi, per cui tutti i cittadini dovranno rispettare le restrizioni in vigore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli