Beneficiari senza web. L'Anpal sul reddito di cittadinanza: "La maggior parte di loro non ha internet"

Huffington Post

"Una vasta e maggioritaria quota" dei potenziali beneficiari del reddito che saranno avviati al percorso per il reinserimento al lavoro "non è dotata degli strumenti informatici necessari" a essere "continuamente collegati con le piattaforme", uno degli obblighi previsti dal decretone. Lo dice il presidente uscente dell'Anpal Maurizio Del Conte. Si va dalla Valle d'Aosta dove "l'80% ha questi strumenti" al "37% del Lazio al 32% della Toscana, il 27% in Campania, fino al dato peggiore Molise 12,4%".

Avere "circa 6mila operatori con contratto precario per l'operatività costituisce un problema", che si aggiunge a quello dei precari che lavorano già in "Anpal servizi", ha dichiarato il presidente uscente di Anpal Maurizio Del Conte in audizione in Senato sul Decretone parlando dei "navigator" e sottolineando come sia necessario, tra l'altro, un'intesa con le Regioni dal momento che "questi operatori vanno in sovrapposizione a quelli dei centri per l'impiego anche fisicamente".

"Sulla base di un'indagine Istat abbiamo individuato in circa un milione e settecento mila i potenziali destinatari di politiche attive, che possono quindi essere avviati e accompagnati subito al lavoro", ha aggiunto Del Conte, sottolineando come questa sia quindi la "platea dei potenziali utenti dei centri per l'impiego, pari al 30% del totale". Del Conte spiega come questo dato sia "fondamentale" considerando anche le "criticità e sofferenze nella rete dei centri per l'impiego".

Un'altra criticità viene rilevata dal Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro:"Abbiamo ipotizzato che il 75% del totale dei percettori del Reddito di cittadinanza debba sottoscrivere il Patto per il lavoro e, quindi, rivolgersi ai Centri per l'impiego (Cpi) ed esser obbligato, poi, a tornarvi", pertanto, "sapendo bene che i Centri sono in difficoltà in termini di organico, abbiamo stimato che se dovessero da soli fronteggiare tale impatto, in base al numero degli operatori specializzati di cui...

Continua a leggere su HuffPost