Virginia Raggi: "Lanzalone l'ho scelto io"

Huffington Post

Come raccontano Corriere della sera e Messaggero la sindaca di Roma Virginia Raggi avrebbe detto ai magistrati titolari dell'inchiesta sul nuovo stadio della Roma, Paolo Ielo e Barbara Zuin, di aver chiesto lei a Fraccaro e Bonafede "di poter parlare con il consulente del comune di Livorno", ovvero Luca Lanzalone. A conferma di quanto aveva detto l'attuale ministro della Giustizia Bonafede, "l'ha scelto lei".

Qualcosa comincia a chiarirsi anche se molte altre cose si chiariranno con il tempo, soprattutto sul quantum e sul a chi Parnasi, il costruttore al centro dell'inchiesta, elargiva denaro per rendere più fluidi i suoi affari. La sindaca di Roma ha detto anche un'altra cosa ai magistrati. E cioè che aveva lasciato a Lanzalone la libertà di scriversi il contratto. Contratto che però l'avvocatura bocciò.

Sulla questione torna a intervenire anche il vicepremier, Luigi Di Maio, durante una puntata di "Coffee Break" su La7. "Sul caso Roma - spiega - l'unica colpa è che ci siamo fidati dell'avvocato sbagliato".

Di Maio continua: "Io non ho notizie di nessun tipo di crisi di maggioranza né tanto meno il Movimento chiederà alla sindaca Raggi di farsi da parte".

Continua a leggere su HuffPost