Lapidi profanate in Danimarca, scritte e insulti antisemiti

Lapidi profanate in Danimarca

Sono 84 le lapidi profanate nel cimitero ebraico di Randers, una piccola città nella regione centrale dello Jutland, in Danimarca. Le tombe, stando a quanto riferito dalla stampa locale, sarebbero state distrutte oltre che profanate. Numerose scritte e graffiti antisemiti sono apparsi su alcune tombe mentre altre sono state brutalmente rovesciate al suolo.

Lapidi profanate in Danimarca, azione antisemita

Un’azione terribile, quella rivolta contro l’antico cimitero ebraico risalente al 1807. Questo luogo racchiude ancora importanti testimonianze delle modalità di sepoltura della comunità ebraica in Europa. I vandali hanno preso di mira decine di famiglie ebraiche di Randers, profanando le tombe dei loro cari.

La profanazione è avvenuta lo stesso giorno in cui il presidente dello stato di Israele, Reuven Rivlin, ha inviato una lettera di solidarietà alla senatrice a vita Liliana Segre. Rivlin si dichiara “inorridito di aver sentito la notizia che minacce antisemite abbiano reso necessario ricevere protezione per assicurare la sua incolumità”.

Il grave gesto è inoltre coinciso con un’altra data molto importante per gli ebrei, quella della notte tra il 9 e il 10 novembre, conosciuta anche come la Notte dei Cristalli. Quest’anno infatti ricorre l’81esimo anniversario di quella ricorrenza, che segna l’inizio delle persecuzioni e uccisioni sistematiche degli ebrei in Germania, Austria e Cecoslovacchia. Durante la Notte dei cristallini persero la vita almeno 100 cittadini tedeschi di origine ebraica.

Il sindaco di Randers, Torben Hansen, ha espresso tutto il suo rammarico per l’accaduto e ha assicurato che farà quanto in suo potere per evitare futuri attacchi al cimitero ebraico e a tutta la comunità del territorio.

All’inizio del 2019 anche il cimitero ebraico di Quatzenheim, nella regione francese del Basso Reno, ha subito lo stesso tipo di attacco antisemita. E anche in quell’occasione, scritte antisemite e svastiche hanno fatto la loro improvvisa comparsa su alcune lapidi.