L'appello a Draghi della moglie di Costantino: "sta morendo in cella, aiutatemi"

·2 minuto per la lettura

(Adnkronos) - "Aiutatemi, sono disperata. Mio marito sta morendo in una cella a migliaia di chilometri da me, morso dai topi, ormai ridotto a pelle ossa. Come può uno Stato, il nostro Stato, abbandonare un suo cittadino detenuto senza alcun motivo, senza prove, senza una accusa? Aiutatemi, sono una mamma. Che qualcuno intervenga prima che sia troppo tardi". E' l'appello che Stefania Giudice, moglie di Andrea Giuseppe Costantino, torna a fare all'Adnkronos per portare in salvo da Abu Dhabi il padre della sua bambina, recluso in un carcere ad al Whaba dal 21 marzo 2021.

Nell'ultima settimana la già gravissima situazione del trader milanese è infatti peggiorata, al punto che oggi si teme per la sua vita. "Come mi è stato comunicato dall'Ambasciatore - racconta Stefania Giudice - durante la visita consolare del 21 aprile scorso ha constatato che mio marito è stato trasferito in una sorta di scantinato putrido e male odorante, affollato da topi dai quali è stato aggredito e morso, quindi sottoposto a terapia medica per evitare complicazioni. Nonostante le immediate segnalazioni dell'Ambasciatore alla direzione carceraria e al competente ministero emiratino, oggi nulla è cambiato - ribadisce-, Anzi, Andrea avrebbe iniziato uno sciopero della fame e le sue condizioni di salute si sono ulteriormente aggravate, arrivando a pesare 51 chilogrammi (pesava 89 chili al momento del suo arresto, ndr)".

"E' tutto così effimero - conclude Stefania Giudice - e nel frattempo Andrea langue in un buco carcerario e si sta spegnendo, azzannato dai topi in un seminterrato putrito e malsano. Come si può stare zitti? Come può uno Stato quale l'Italia acconsentire silente che un suo cittadino innocente venga condannato a morte certa e lenta in questo modo? Mi rivolgo al Premier Draghi - prosegue - unica istituzione autorevole italiana titolata a trattare con il Principe Ereditario Emiratino, Mohamed Bin Zayed, al quale nel novembre 2021 telefonò in occasione della visita al Padiglione Italia del Ministro Di Maio, sortendo l'effetto di ottenere una visita in carcere ad Andrea (l'unica) da parte del suo legale emiratino. Se non fa qualcosa, Andrea uscirà cadavere da quel carcere". (di Silvia Mancinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli