Lara Magoni: politica dimentica lo sport, grave danno per settore

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 13 feb. (askanews) - "Delusione e rammarico; in una parola, mortificata. Sono questi i sentimenti che provo, constatando che ancora uno volta lo sport è stato dimenticato dalla politica. In un periodo di forte crisi, dove la pandemia ha messo in ginocchio l'attività di migliaia di operatori del settore, con le incertezze sulle riaperture di palestre e piscine, con la montagna bistrattata, il nuovo Governo nasce senza un Ministero ad hoc. Non se lo meritano i nostri giovani, i nostri figli, i nostri atleti che tengono alto il Tricolore nel mondo, tutti coloro che vivono di sport". Così Lara Magoni, delegata del Coni, commenta la scelta del Governo Draghi di non dedicare un Ministero allo Sport.

"Come campionessa di sci e delegata del Coni - aggiunge Lara Magoni - mi inquieta sapere che ad oggi tutti gli operatori del settore, in attesa di sostegno economico dopo un anno di crisi nera, non sapranno a chi rivolgersi per farsi ascoltare ed ottenere ciò che gli spetta. Siamo passati da un ministro, Spadafora, che ha ammesso candidamente di non conoscere lo sport, al nulla. Preoccupante. Anche perché stiamo parlando di un comparto che rappresenta una fetta importante del Pil nazionale", conclude Lara Magoni.