L'assessore di Alessandria finisce nel mirino per affermazioni complottiste

·1 minuto per la lettura
Cherima Fteita, complottista o riflessiva? Polemica social
Cherima Fteita, complottista o riflessiva? Polemica social

Cherima Fteita è una complottista? Polemica sulle affermazioni dell’assessore FDI di Alessandria, Piemonte, in merito al Coronavirus. Tutto parte da post sui social network, da lei condivisi, che trattano teorie complottiste facendo paragoni con i tempi di Goebbels per poi passare ad altri in cui si citano fantomatiche cure e altre elucubrazioni, prendendo spunto dal virologo Giulio Tarro.

Cherima Fteita: complottista per caso

Al Comune di Alessandria ora si chiedono le dimissioni di Cherima Fteita, dopo l’aver pubblicato post su teorie complottiste anti-Covid. In uno di questi si legge: “A brevissimo lo Stivale si colorerà tutto di rosso e durerà fino a maggio. La notizia del vaccino serve per farci accettare il lockdown, nella convinzione che a brevissimo saremo liberi. Invece non arriverà nessun antidoto”. Secondo l’assessore FDI, il sistema sanitario è in ginocchio per la totale disorganizzazione “organizzata” del Governo e che quanto “l’intero sistema economico sarà collassato passerà all’incasso”.

Fteita: “Volevo far riflettere”

Nei post si evince anche un attacco alla figura professionale dei medici, in riferimento a loro come “complici nostrani di questo scempio epocale, che hanno fatto di tutto affinché la situazione si ripetesse”. L’opposizione ha dunque chiesto le dimissioni di Cherima Fteita, pronta la sua risposta e qualche precisazione:Non sono assolutamente negazionista, la mia voleva essere solo la spinta per un’ulteriore riflessione. Ho incrociato quel post abbastanza forte, mi ha colpito e ho pensato che potesse indurre a ragionare”, ha dichiarato, “Siamo tutti qui che stiamo combattendo, ognuno di noi ha persone coinvolte. Forse avrei dovuto spiegare meglio l’intento ma bisognerebbe capire perché ci sono state precise letture che non lasciavano spazio a domande”.