L'attacco al direttore Sanitario dell'Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano.

·1 minuto per la lettura
minacce Telegram Pregliasco
minacce Telegram Pregliasco

Il direttore Sanitario dell’Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, Fabrizio Pregliasco, è dall’inizio della pandemia uno dei medici mediaticamente più esposti e dunque più soggetto alla minacce di chi non la pensa come lui sui vaccini, sulle misure di contenimento e sui trattamenti sanitari. Il virologo ha nello specificio ricevuto delle nuove minacce via Telegram nel gruppo Basta Dittatura – Proteste, nel quale sarebbero stati diffusi alcuni suoi dati sensibili.

Minacce su Telegram per Pregliasco

È stato lo stesso Pregliasco a commentare il nuovo attacco dalle pagine di Repubblica. “Purtroppo – ha detto – é davvero spiacevole vedere gente che mi minaccia sui social e mi telefona insultandomi. Capisco la sofferenza di chi é in difficoltà economica e soprattutto in questa fase non facile in cui tutti vogliono andare verso la normalità, porre dubbi diventa un problema. Ma bisogna essere cauti per riprenderci prima i nostri spazi”.

Pregliasco, nuove minacce su Telegram

Già da diversi mesi il virologo, così come anche sui altri illustri colleghi, ha lamentato le molte minacce e insulti ricevuti via social, con alcune persone che sarebbero andate ben oltre il brutale insulto manifestando la volontà di passare dalla violenza verbal a quella fisica.

Su Telegram arrivano nuove minacce per Pregliasco

Il gruppo Telegram dove sono diffusi i dati di Pregliasco – e dove i gestori dello stesso hanno scritto “Sapete cosa fare” – è lo stesso che dove nei mesi scorsi era stato pubblicato l’indirizzo del presidente del Consiglio, Mario Draghi, e che aveva preso di mira l’infettivologo Massimo Galli e il direttore della clinica malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova Matteo Bassetti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli