L'attacco frontale al Premier da parte della leader di Fratelli d'Italia.

·2 minuto per la lettura
Meloni contro governo Draghi
Meloni contro governo Draghi

La leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, forte del suo ruolo di unica forza dell’opposizione in Italia, si è scagliata duramente contro il governo Draghi in quanto a suo avviso si continuerebbero a fare gli stessi errori di sempre perseverando “nella strategia fallimentare adottata fin dall’inizio dell’emergenza Covid”. “Un anno dopo – dice la Meloni all’Ansa – siamo praticamente al punto di partenza ed è surreale che nessuno a Palazzo Chigi abbia l’umiltà di interrogarsi di capire cosa ha funzionato e cosa no“.

Meloni contro il governo Draghi

Il terreno di scontro è dunque la gestione della pandemia e l’imminente decreto che vieta zone gialle e bianche in Italia fino alla fine di aprile. “Si continua con la politica delle chiusure – dice la leader di Fratelli d’Italia – generalizzate invece di intervenire sui reali focolai di contagio, a partire dal trasporto pubblico. La rimozione di Arcuri è il minimo che questo governo potesse fare, ma paghiamo lo scotto di aver perso mesi preziosi”.

L’attacco a Palazzo Chigi si sospa poi dalla pandemia alla sua cura, i vaccini, con la Meloni che però non cambia registro: “Lo Stato avrebbe dovuto stabilire chiaramente che si sarebbero vaccinati per primi i più anziani e i più fragili. Se lo avesse fatto, avremmo ridotto di molto il numero di morti. Non si è fatto, e abbiamo dovuto assistere anche allo scandalo dei furbetti del vaccino”.

Altro tema d’attacco è l’insufficenza degli aiuti forniti alle imprese costrette a rimanere chiuse. “Il decreto Sostegni è totalmente insufficiente – dice la Meloni – C’è veramente qualcuno che pensa che un ristoratore che ha perso centinaia di migliaia di euro si salverà col 2% di ristoro?”. Serve un cambio di passo – ha precisato la leader di FdI – non si può più chiedere al Parlamento di autorizzare altro extradeficit e poi spendere quelle risorse in provvedimenti che non servono a nulla. Chiediamo a Draghi – ha cocnluso – di sapere nel dettaglio cosa intende fare con queste risorse e poi Fratelli d’Italia valuterà se votare oppure no”.