Latte di cocco: calorie e benefici dell’alternativa per gli intolleranti

latte di cocco

Il latte di cocco è una bevanda molto dolce ottenuta attraverso la spremitura della polpa grattugiata del cocco. In Italia la consumazione di questa sostanza non è ancora molto diffusa, viene utilizzata per lo più per realizzare creme e dolci e poco come sostituta del latte vaccino; in altri Paesi come le Filippine invece è una preparazione particolarmente utilizzata in moltissime ricette sia dolci che salate. Bisogna inoltre precisare che il latte di cocco non deve essere confuso con l’acqua di cocco mentre quest’ultima è naturalmente contenuta all’interno del cocco, il latte di ottiene dalla spremitura meccanica della polpa. Le similitudini tra il latte di mucca e quello di cocco sono davvero poche, si somigliano infatti solo per l’aspetto. Il latte di cocco è l’alimento perfetto per chi segue una dieta vegana o vegetariana, ma anche per chi è intollerante al lattosio in quanto non ne contiene neppure in minima quantità. Assente nel latte di cocco anche il colesterolo, sostanza presente in tutte le versioni del latte animale anche in quello di Kefir. Da tenere presente però che nonostante sia una bevanda di origine vegetale, all’interno di questo latte ci sono molti grassi saturi e apporta una quantità di calorie rilevante.

Latte di cocco: calorie e benefici

L’assunzione del latte di cocco deve essere moderata poiché la bevanda presenta una quantità alta di acidi grassi saturi nello specifico l’acido laurico. C’è da dire però che tali grassi presenti nel latte sono comunque benefici per la salute in quanto è stato dimostrato che aiutano ad innalzare i livelli di colesterolo buono nel sangue e si palesa quindi alleato del nostro cuore: il latte di cocco è infatti una di quelle sostanze in grado di prevenire numerose patologie a carico del sistema cardio-vascolare. Tra le proprietà rilevanti di questa bevanda c’è l’apporto notevole di fibre che consente di classificare il latte di cocco come una sostanza regolatrice della fame; assumerlo prima dei pasti permette di avvertire in precedenza il senso si sazietà. Bisogna però tener conto che 100 ml di latte di cocco hanno ben 197 kcal, quasi il doppio rispetto alla stessa quantità di latte vaccino.

Le proprietà

Il latte di cocco è il sostituto più diffuso dopo il latte di soia della versione animale di questa bevanda, molte persone infatti per motivi etici o per problemi relativi alla salute non riescono a bere nè il latte di capra nè di cammello e nemmeno quello di asina. Questa bevanda si utilizza con successo sia nelle preparazioni dolci che salate sono molto diffuse le ricette che prevedono l’utilizzo del latte di cocco per piatti speziati e saporiti come il pollo al curry o la cottura di numerose verdure. L’assunzione del latte di cocco consente anche di rafforzare le proprie difese immunitarie grazie alla presenza di vitamine del gruppo A ed E e l’elevato contenuto di magnesio. Coloro che seguono una dieta ipocalorica devono limitare il consumo del latte di cocco proprio le calorie che apporta.

Integratore alimentare

La bevanda derivata dalla polpa del cocco è consigliata agli sportivi che hanno bisogno di energie immediate. Oltre alle vitamine ci sono anche selenio e magnesio, sostanze che promuovono i normali processi biologici e hanno un’azione antiossidante. Il latte di cocco regola la funzione tiroidea e può essere considerato un alimento completo in quanto veicola l’assorbimento delle altre sostanze all’interno dell’organismo. Il giusto mix di acqua e fibre che apporta la bevanda regola la corretta funzionalità intestinale e favorisce l’evacuazione attenuando i sintomi della gastrite e del reflusso che possono essere anche causati o peggiorati dall’assunzione del latte di origine animale.