L'attore Attilio Fontana: "Che incubo la mia omonimia!"

webinfo@adnkronos.com

di Antonella Nesi 

Si chiama Attilio Fontana, come il presidente della Regione Lombardia, e negli ultimi mesi gli è capitato di tutto, per via di un account Instagram che viene confuso con quello del suo omonimo. "Mi arrivano insulti e polemiche politiche ma anche complimenti e cose surreali, come in questi giorni quando sono stato 'taggato' in un post di sedicenti 'bimbe di Attilio Fontana', sorta di fan club con la foto del presidente circondata di cuoricini. Non ho resistito e le ho prese in giro su Instagram: anche perché se sei davvero fan o sostenitore, è mai possibile che non controlli se stai taggando il Fontana giusto? Succede spesso che si confondano e, con l'emergenza sanitaria e l'esposizione del Fontana politico, questa omonimia è diventata una specie di incubo", confessa all'Adnkronos l'attore di tante fiction, conosciuto anche per la sua partecipazione a 'Tale e Quale Show' su Rai1 e a 'Pequeños gigantes' su Canale 5 e per la sua attività teatrale, tra monologhi, prosa e musical.  

Ed è proprio dal teatro che l'attore ripartirà, nel primo giorno utile del post-Covid: il 15 giugno. "Con Emiliano Reggente, saremo in scena al Teatro Lo Spazio di Roma, dal 15 al 17 giugno. Potremo avere solo 35 spettatori a replica. É un gesto eroico, perché non risolverà né le problematiche ancora legate al virus né le aritmetiche del nostro lavoro, che faremo sostanzialmente gratis", ammette. Il loro spettacolo, che si intola 'Fase Show', sarà quello che riaprirà la sala del quartiere San Giovanni, tra i primi debutti romani in carne e ossa. Sarà una maratona di teatro musicale, che proporrà brani di repertorio dei due artisti, con gag, canzoni e interazioni 'a norma' con il pubblico. E con i due attori accompagnati da Franco Ventura alla chitarra e Roberto Rocchetti al pianoforte. "È uno spettacolo che ironizza sul periodo che stiamo vivendo ma stando attenti a non offendere nessuno, anche perché anche io ho avuto un lutto in famiglia per il Covid e sono sensibile a questo aspetto", aggiunge Fontana.  

E naturalmente anche l'omonimia sarà oggetto di battute in 'Fase Show'. "Sarà inevitabile perché è uno dei cavalli di battaglia di Emiliano quando improvvisiamo", dice l'attore. Che sul Fontana politico sospende il giudizio: "All'inizio dell'epidemia, per chiunque fosse stato al suo posto non sarebbe stato semplice. Quindi mi sono attenuto al silenzio. Negli ultimi tempi sto leggendo cose che fanno pensare sulla gestione dell'emergenza. Ma comunque mi limito a reindirizzare al Fontana giusto i commenti che mi arrivano. Ci vuole tempo per valutare una cosa della portata di quella che abbiamo vissuto", conclude.