"L'aumento dei contagi non sorprenda. È l'inverno", dice Palù

·1 minuto per la lettura

AGI - "L'Rt è salito da 0,8 a un pò più sopra dell'uno, quindi siamo in fase epidemica: non c'è da meravigliarsi, con la stagione invernale questi virus a diffusione aerea hanno maggiori probabilità di propagarsi". Lo ha detto a Matera, Giorgio Palù, presidente dell'Agenzia italiana del Farmaco, a margine del convegno 'Obbligo vaccinale anti-Covid 19 fra teoremi e opportunità. Stato dell'artE', organizzato dal Tribunale dei diritti e dei doveri del Medico.

"Stiamo pagando anche lo scotto di ciò che ci viene dall'Europa del nord e dell'est dove in paesi come Bulgaria Russia e Romania i vaccinati sono intorno al 20%". "La cosa importante è saper distinguere tra numero di casi incidenti", ha precisato Palù, "e quando si parla di positivi bisognerebbe anche specificare quanti ricoverati, sintomatici o in rianimazione. Chi lancia allarmi, e ce ne sono dovunque in questo Paese, non fa l'interesse dei cittadini, conquista solo le prime pagine dei giornali. Bisogna che il dato venga fornito in maniera obiettiva e comunicato per ciò che in realtà è". 

"Quindi, vacciniamo il più possibile e cerchiamo di avere un atteggiamento coscienzioso e fiducioso", ha esortato Palù. "Questa sarà una fase critica, ma la copertura garantisce sicuramente protezione, oltre il 90%, dall'infezione che causa malattia grave e conseguenze serie".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli