Laura Letizia Bossetti confessa di aver preso una decisione così radicale per avere “più tranquillità”

·2 minuto per la lettura
Massimo Bossetti
Massimo Bossetti

La sorella di Massimo Bossetti, Laura Letizia, cambia cognome e dice di essere stata costretta a quella scelta radicale dalle difficoltà ormai insormontabili a portare lo stesso cognome di un uomo condannato all’ergastolo per l’omicidio di di Yara Gambirasio. La sorella dell’ex muratore ritenuto l’omicida della 13nne trovata morta il 26 novembre del 2010 ha motivato la sua scelta in una lunga intervista a Telelombardia. 

La sorella di Massimo Bossetti cambia cognome, l’intervista a Telelombardia

E in quella chiacchierata liberatoria Laura ha spiegato non solo le difficoltà oggettive a portare un cognome così ingombrante da un punto di vista delle scelte di vita e dei traguardi sociali, ma anche il carico di dolore che questo ha comportato per il fratello. Ha spiegato la sorella del condannato: “L’ho fatto solo per me stessa, per avere più tranquillità. Lo sapete voi che significa mandare una domanda di lavoro col cognome Bossetti?”. 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Caso Yara, le tappe della vicenda

La sorella di Massimo Bossetti cambia cognome perché quel cognome è ingombrante

In prima istanza dunque Laura ha messo l’accento sulle difficoltà ad avere una vita normale quando si viene riconosciuta come consanguinea di un omicida, sia pur omicida che invoca da tempo una revisione del processo per l’emergere di nuove presunte prove a discarico in materia di repertamento del Dna. Sta di fatto che la decisione di Laura non ha affatto trovato il favore di Massimo, che ha deciso, informano i media locali, di troncare ogni rapporto con la sorella. Sorella che però non ci sta ad essere additata come quella che ha lasciato un fratello nella sua “broda” e spiega: “Ho fatto tanti passi verso Massimo. Ho teso una mano, ho chiesto scusa più volte, ma lui continua a non volermi incontrare. Gli ho chiesto scusa per aver detto in passato che papà e mamma sono morti di dispiacere per il gran dolore, ma è la verità. Il dispiacere di avere un figlio in galera li ha straziati”. 

La sorella di Massimo Bossetti cambia cognome: “Ma gli auguro ogni bene”

E ancora: “Io gli auguro tutto il bene possibile. È stata una tragedia e solo chi è dentro sa cosa si prova e cosa si passa. Ho raggiunto la mia tranquillità ed è per questo che ho deciso di lasciarmi il passato alle spalle e cambiare cognome”. E Laura, che aveva già preannunciato da tempo la sua decisione, ribadisce che malgrado il cambiamento il suo affetto per il fratello è rimasto immutato. Massimo però non la pensa così e tempo da aveva bollato quella decisione come “un gesto pianificato e violento”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli