Lauro: le "pubbliche affissioni" del capoluogo lombardo lo censurano

·2 minuto per la lettura
achille lauro censurato
achille lauro censurato

Il 24 luglio esce il nuovo album di Achille Lauro, intitolato “1990”. Attraverso il suo profilo Instagram, il cantante ha iniziato a lanciare piccoli spoiler da tempo, giocando soprattutto con la sua immagine e con infinite provocazioni. Purtroppo, però, l’artista è andato in contro ad una censura messa a segno dalle “pubbliche affissioni”. La sua reazione, ovviamente, non si è fatta attendere.

Achille Lauro censurato

Achille Lauro è un genio, questo non possiamo negarlo. Non ha una voce indimenticabile, sia chiaro, ma con i suoi brani non porta in scena solo la musica, ma anche l’arte e infinite provocazioni. Purtroppo, però, il suo modo di comunicare non piace a tutti. E’ proprio per questo che Achille si è visto censurato da parte di quanti si occupano di pubbliche affissioni nel comune di Milano. Il prossimo 24 luglio, esce il suo nuovo album intitolato “1990” e le immagini spoilerate via social sono decisamente provocatorie. Una di queste lo ritrae con stivali in latex e tatuaggi in bella vista crocifisso su una croce fatta di caramelle. Il poster in questione avrebbe dovuto essere affisso su Corso Como a Milano, ma è stato censurato. Al suo posto, c’è una gigantografia dove, in stile Ken/Barbie, si mostra mentre cavalca un unicorno.

Via social, Achille non ha potuto fare a meno di commentare la censura. Il cantante, a didascalia dell’immagine ‘del peccato’, ha scritto:

“Questa è l’immagine che avreste visto oggi nel maxi-cartellone di Corso Como a Milano ma la pesante mano della censura delle pubbliche affissioni lo ha impedito. Io invece la regalo a tutti voi e come sempre ‘Me ne frego‘”.

Ovviamente, i fan hanno sposato appieno le sue parole e lo hanno sostenuto.