I lavori più richiesti in Italia

Badanti, addetto alla pulizia di negozi e uffici, magazzinieri, addetti alle mense, custodi, camerieri, cassieri e autisti sono tra i profili più ricercati. (Getty)

Ci sono lavori richiestissimi ma non c’è nessuno che li voglia fare. Proprio così, se esistono lavori in cui la domanda supera l’offerta, accade anche il contrario. Una sfilza di professioni che gli italiani snobbano e che, quindi, solitamente finisco per interessare gli stranieri.

Alcuni tra i profili più ricercati? Badanti, addetto alla pulizia di negozi e uffici, magazzinieri, addetti alle mense, custodi, camerieri, cassieri e autisti. Altro che manager: le richieste più alte sono per operai, meglio se specializzati.

Capire quali sono i settori con maggiore richiesta di forza lavoro diventa indispensabile anche per fare la scelta giusta all’università. Il settore informatico, ad esempio, è ancora una buona scelta. C’è sempre più richiesta di programmatori. Ci sono pochi progettisti meccanici e navali: da quelli di impianti industriali a quelli impegnati nel settore dei servizi.

Tra i profili più richiesti figura anche quello del revisore contabile: si cercano soprattutto laureati in scienze economico-aziendali, marketing e amministrazione. Chi si laurea in ingegneria ha sempre buone probabilità di essere assunto. E per chi non ha una laurea in tasca?

Tra i mestieri molto richiesti ci sono: macchinisti, segretarie e assistenti di direzione, tecnici specializzati, addetti alle vendite, professionisti contabili e della finanza, professionisti IT, sales manager e personale alberghiero. Per diventare medico, invece, la laurea serve ma non mancherà un posto di lavoro una volta discussa la tesi.

La crisi dell’occupazione riguarda tutti i settori. Se state cercando un impiego, quindi, è meglio indirizzarsi verso quelle professioni che, anche se non sempre particolarmente qualificate, garantiscono maggiori possibilità di essere assunti.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità