Lavoro, Confintesa "Avviso Comune una bufala, ora è chiaro a tutti"

ROMA (ITALPRESS) - "Era il 30 giugno quando partiti di Governo, Confindustria e Cgil, Cisl e Uil gridavano al successo per aver impedito lo sblocco dei licenziamenti con il famigerato Avviso Comune che altro non era che una raccomandazione ad utilizzare 13 settimane di Cassa Integrazione prima di licenziare i dipendenti. Oggi alla luce dei 422 licenziamenti effettuati da GKN di Campi Bisenzio in Toscana, dei 152 lavoratori della Giannetti ruote di Ceriano in provincia di Monza i partiti di destra e di sinistra e gli stessi sindacati firmatari di quell'accordo gridano allo scandalo". A dirlo Francesco Prudenzano, segretario generale di Confintesa, dopo la comunicazione dei licenziamenti data via mail dalla GKN ai suoi 422 dipendenti e dalla proprietà della Giannetti Ruote di Ceriano.

"Era talmente evidente - continua Prudenzano - che il testo dell'Avviso Comune, siglato dal presidente Draghi, solo con i sindacati graditi al Governo, fosse solo una raccomandazione e non un'imposizione con valore giuridico e che quindi le imprese che volevano licenziare erano libere di farlo in qualsiasi momento. Così è avvenuto e così avverrà nei prossimi giorni in chissà quante altre aziende che non sono in crisi ma vogliono solo delocalizzare gli insediamenti in Paesi dove il costo del lavoro è più conveniente. Questa è la prova provata che ormai la deriva imprenditoriale italiana e multinazionale rischia di creare un disastro sociale per circa 700 mila lavoratori che vedono il proprio posto di lavoro a rischio. I licenziamenti che faranno da tsunami a questo periodo post pandemia sono il risultato dell'assenza di politiche attive del lavoro da una parte e, dall'altra, di una diversa politica che possa alleggerire le imprese dalla forte pressione fiscale loro imposta".

"E' inutile che i Governatori di Toscana e Lombardia, solo ora che vengono colpiti lavoratori delle loro regioni, parlino oggi di casi nazionali perché, Whirlpool docet, ormai - sottolinea ancora Prudenzano - nessuna regione rimarrà indenne da questo scellerato progetto di reindustrializzazione basata sulla delocalizzazione in Paesi stranieri. Non serve nemmeno che i partiti di Governo chiedano di rivedere l'Avviso Comune se il Governo e il Parlamento non intervengono con misure drastiche per rimettere il lavoro al centro della politica economica del Paese".

"Bene fanno - conclude Prudenzano - i lavoratori licenziati ad occupare le fabbriche per impedire che escano dagli stabilimenti i macchinari utili per la ripresa della produzione che, se fosse applicato l'articolo 46 della Costituzione, con la partecipazione agli utili dei dipendenti delle imprese potrebbe dare loro un futuro. Il Governo e i partiti della maggioranza assieme ai sindacati che hanno firmato quell'Avviso, si armino di coraggio e facciano in modo che questi lavoratori possano riacquistare la loro dignità di lavoratori e di cittadini. Oggi le lacrime di coccodrillo non servono a niente, servono fatti".

(ITALPRESS).

fsc/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli