Lavoro, è boom di offerte online dopo il Covid: ecco per quali ruoli

·2 minuto per la lettura

Complice la pandemia e i lunghi periodi di lockdown che hanno costretto molti di noi a portare anche il lavoro a casa, la digitalizzazione del lavoro ha subito un'ulteriore spinta. Non solo lo smart working, ma anche l'offerta e la richiesta di nuovi ruoli, che ora avviene sempre più spesso online.

Secondo l'ultimo rapporto della Fondazione per la Sussidiarietà, in collaborazione con Crisp - Centro di Ricerca - Università di Milano Bicocca sul lavoro sostenibile, infatti, la presenza di annunci di lavoro su siti internet ha avuto un vero e proprio boom dopo la pandemia: nel primo trimestre del 2021, è aumentata del 40% rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 20% sul periodo pre-Covid. Da gennaio a marzo 2021 sono state 156.064 le offerte pubblicate online. 

"Gli annunci online sono diventati il canale principale per le offerte di lavoro e confermano la ripresa del Paese", ha commentato Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà, "Ci attendiamo un deciso impulso dalla graduale riapertura delle attività e dall'avvio del piano nazionale di ripresa e resilienza".

VIDEO - Cashback sospeso, ecco quando tornerà

Che cosa si ricerca di più?

Circa un terzo delle offerte riguardano attività manifatturiere (32,7%). Si ricercano poi addetti nelle attività professionali, amministrative, tecniche e servizi di supporto (24,7%) e infine commerciali (11,9%). La ricerca online di manager è invece calata del 31%: circa 16.000 annunci nel 2020 contro 23.000 del 2019.

Il report fa presente però che esiste ancora un divario geografico: quasi tre quarti delle posizioni cercate su Internet riguardano lavori al Nord (74%), il 15% nel Centro e solo l'11% nel Sud e isole.

VIDEO - Bonus IRPEF, 100 euro in più in busta paga. Chi può averlo

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli