Lavoro: Fornero, Aspi parte prossimo anno e riguarda tutti. Cig resta

(ASCA) - Roma, 22 mar - ''L'assicurazione per l'impiego,

l'Aspi, partira' dal prossimo anno, e' universale, e riguarda

tutti''. Lo ha annunciato il ministro del lavoro, Elsa

Fornero precisando che ''c'e' anche una 'mini-Aspi' che e'

per i lavoratori un po' piu' giovani e precari perche'

abbiamo oggi una disoccupazione con requisiti ridotti e la

mini-Aspi ha requisiti ridotti e quindi accessibili ai

lavoratori che abbiano almeno 13 settimane di lavoro in un

anno. L'Aspi normale invece prevede 52 settimane in un

biennio''.

Nella conferenza stampa dopo il vertice con le parti

sociali Fornero spiega che ''non aboliamo la cassa

integrazione perche' e' diversa dall'Aspi e perche' l'Aspi e'

un sussidio per chi ha perso lavoro e cerca nuova

occupazione, mentre la cassa integrazione e' un sussidio nel

caso di riduzione temporanea della domanda''.

Il ministro ha poi annunciato che il governo intende

mantenere ''la cassa integrazione straordinaria salvo per i

casi di cessazione di attivita' dell'impresa. Quello che non

c'e' piu' - ha spiegato - e' la mobilita'''.

Con la riduzione temporanea di attivita' - ha sintetizzato

il ministro - ''c'e' quindi la cassa ordinaria ordinaria, se

c'e' una crisi temporanea allora c'e' la cassa integrazione

straordinaria, ma dove non c'e' piu' speranza per l'impresa

allora il lavoratore perde il posto e l'Aspi lo sorregge per

trovare un nuovo posto di lavoro''.

Fornero ha poi spiegato che ''non e' vero che abbiamo

tenuto la cassa in deroga, abbiamo tenuto i fondi della cassa

in deroga rendendoli strutturali e utili per finanziare

l'Aspi''.

Ricerca

Le notizie del giorno