Lavoro: Fratoianni, 'maggioranza ha paura di introdurre norme contro delocalizzazioni'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 set. (Adnkronos) – "La solidarietà verso i lavoratori vittime dei licenziamenti e delle delocalizzazioni selvagge deve essere e supportata e dimostrata quotidianamente con dei fatti”. Così il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni a L ‘Aria che Tira su La 7 nel corso di un collegamento con i lavoratori della Riello di Pescara licenziati e la produzione trasferita in Polonia.

“Lunedi sera ero a Fabriano con i lavoratori della Elica, domani sarò davanti alla Timken di Brescia, e poi – prosegue il leader di SI – la prossima settimana alla Gkn. Ma questo non lo considero un vanto, andare davanti a queste fabbriche significa toccare con mano il dolore della dignità dei lavoratori che viene calpestata da un sistema di impresa predatorio, che utilizza pure contributi pubblici, e che poi viene violentata da un atteggiamento indecente di imprenditori fondato sulla massimizzazione del profitto. Imprenditori ingordi anche di fronte ad aziende che producono utili come il caso della Riello.”

“Bisogna che la politica e le Istituzioni la smettano di far finta di sorprendersi. Bisogna fare cose: una andava fatta e non è stata fatta, mantenere il blocco dei licenziamenti e non si ha avuto il coraggio di bloccarli da parte del governo Draghi e della sua maggioranza. E servono norme – conclude Fratoianni – che introducano sanzioni e blacklist, che questa maggioranza ha paura di introdurre, perchè questi imprenditori che fanno scelte indecenti devono sapere che verranno penalizzati.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli