Lavoro: Inail, tra donne aumentano infortuni mortali 'in itinere'

(ASCA) - Roma, 27 apr - La diminuzione degli infortuni sul

lavoro ha riguardato sia gli uomini che le donne, con un

decremento piu' sensibile per i primi (-6,8% contro -5,5%),

giustificato anche dall'andamento occupazionale rilevato

dall'Istat nell'anno: il moderato aumento (+0,4%) degli

occupati e' dovuto unicamente alla componente femminile

(+1,2%, contro il -0,1% maschile). E' quanto emerge

dall'andamento infortunistico del 2011 dell'Inail.

Forte invece la differenza tra i due sessi per i casi

mortali: il calo del 4,4% e' influenzato esclusivamente dalla

componente maschile (da 895 decessi nel 2010 agli stimati 840

del 2011, -6,1%).

Le lavoratrici, viceversa, hanno conosciuto un sensibile

aumento dei decessi in termini percentuali, +15,4%, passando

dai 78 casi del 2010 ai 90 stimati del 2011: tale aumento e'

dovuto ai casi ''in itinere'' che rappresentano piu' della

meta' dei decessi femminili.

Ricerca

Le notizie del giorno