Lavoro: Inps, in 2020 continuato calo parasubordinati, -100 mila in 5 anni

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 ott. -(Adnkronos) – E' continuato nel 2020 il calo dei lavoratori parasubordinati, con una perdita – rispetto al 2015 – di oltre 100 mila unità: l'aggiornamento dell'osservatorio Inps su professionisti e collaboratori iscritti alla Gestione separata mostra nel quinquennio un calo del numero totale da 1.434.856 del 2015 a 1.333.554 nel 2020. I dati mostrano per i collaboratori un andamento altalenante, che dopo una lieve crescita tra il 2018 e il 2019 (+0,8%) ha segnato di nuovo una riduzione tra il 2019 e il 2020 (-1,7%). I professionisti, al contrario, registrano una crescita dal 2015 al 2020 pari al 24,2%.

Tali variazioni – spiega l'Inps – sono dovute sia alle dinamiche del mercato del lavoro sia a interventi del legislatore. Innanzitutto, la riforma Fornero che ha introdotto restrizioni sulle collaborazioni a progetto, mentre successivamente il Jobs Act ha regolamentato ulteriormente la materia. Tali disposizioni hanno comportato una “stretta” sulle collaborazioni. Un effetto sugli andamenti del numero di collaboratori e professionisti, inoltre, è dovuto anche alle continue variazioni delle aliquote di contribuzione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli