Lavoro: Marattin, 'votare dl Orlando? Prima vogliamo vedere norme e discuterle'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 22 ago. (Adnkronos) – "Se per scoraggiare le delocalizzazioni si vietano o si tassano i licenziamenti collettivi, non si ottiene il sol dell'avvenire in cui tutti vivono felici e contenti. Si ottiene solo che nessuna azienda verrà più a insediarsi in Italia, danneggiando in primis i lavoratori italiani". Così Luigi Marattin di Iv a Il Messaggero.

"Prima di decidere cosa votare, noi vogliamo vedere le norme e avere l'opportunità di discuterne. Non si decide sulla base di indiscrezioni. Certo è che noi pensiamo che per evitare le delocalizzazioni occorra migliorare le condizioni di competitività dei territori: riducendo la pressione fiscale, migliorando i servizi alle imprese, fornendo capitale umano di qualità, favorendo la costruzione di filiere industriali".

Sugli ammortizzatori aggiunge: ritardi? "andrebbe chiesto al ministro Orlando. Io ho l'impressione che ci si stia arenando su un punto piuttosto semplice. Se si vuole estendere la rete della cassa integrazione a chi al momento ne è sprovvisto, occorre estendere anche i contributi che le imprese pagano per il suo finanziamento. È un classico meccanismo assicurativo: se voglio estendere la copertura, aumenta il premio (oppure lo deve pagare anche chi ora non lo paga). L'alternativa, che forse qualcuno segretamente sogna, è che tutto sia a carico della fiscalità generale. Ma io penso che se ci saranno 10 miliardi da spendere, vadano spesi nell'abbassare le tasse a famiglie e imprese".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli