Lavoro, nel lockdown 6,5 milioni di smart worker d’emergenza

·2 minuto per la lettura
Lavoro, nel lockdown 6,5 milioni di smart worker d’emergenza
Lavoro, nel lockdown 6,5 milioni di smart worker d’emergenza

Milano, 3 nov. (askanews) – Durante la fase più acuta dell’emergenza sanitaria lo smart working ha coinvolto il 97% delle grandi imprese, il 94% delle pubbliche amministrazioni e il 58% delle Pmi per un totale di 6,58 milioni di lavoratori agili,

circa un terzo dei lavoratori dipendenti, oltre dieci volte più dei 570mila censiti nel 2019. Sono i dati dell’osservatorio sullo smart working della School of management del Politecnico di Milano.

Proprio per dare una risposta a questa nuova esigenza Vodafone Italia e le Organizzazioni Sindacali Nazionali del settore delle Telecomunicazioni e il Coordinamento Nazionale delle Rsu hanno raggiunto un innovativo accordo sullo smart working che traguarda la fine della fase emergenziale.

L’accordo – si legge in una nota – prevede una prima fase di sperimentazione e fissa regole condivise per aprire la strada a un nuovo modello di lavoro agile, aperto a tutti e inclusivo.

L’accordo entrerà in vigore dopo la fine dell’emergenza Covid e prevede l’adozione del lavoro agile nella misura dell’80% dell’orario di lavoro mensile per i dipendenti impegnati nelle aree di assistenza al cliente e del 60% per i dipendenti delle restanti aree aziendali.

Nelle giornate di lavoro agile è demandata al dipendente la scelta del luogo da cui lavorare in smart working. Il lavoro dovrà essere svolto all’interno della fascia oraria 9-19, sempre nel limite dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale

previsto dal contratto. Maggiore flessibilità anche per disabili, genitori e persone con particolari patologie.

Vodafone doterà tutti i dipendenti di strumenti di lavoro tecnologici tra cui: laptop, telefono cellulare e SIM voce/dati.

È inoltre prevista un’offerta per la rete fissa riservata ai dipendenti. Queste e tante altre le novità di welfare aziendale che verranno monitorate dalle parti sociali per una sempre maggiore flessibilità e inclusività.