Lavoro: Nestlé scommette sui giovani, 1.450 posti e 1.400 stage in Italia entro il 2025

·2 minuto per la lettura
Lavoro: Nestlé scommette sui giovani, 1.450 posti e 1.400 stage in Italia entro il 2025
Lavoro: Nestlé scommette sui giovani, 1.450 posti e 1.400 stage in Italia entro il 2025

Roma, 5 nov. (Labitalia) – Da anni, Nestlé è in prima fila nel promuovere iniziative per valorizzare il talento e le idee dei giovani e contribuire alla loro formazione e al loro orientamento. Questo impegno assume oggi ancor più valore in relazione all’emergenza Covid-19, che sta avendo forti ripercussioni in ambito economico, sociale e lavorativo in particolar modo sui giovani. Nestlé vuole fare la sua parte e si impegna da qui al 2025 a offrire 1.450 assunzioni dirette e 1.400 stage in Italia, che diventano 40.000 nuove opportunità se si considera l’Europa, il Medio Oriente e il Nord Africa.

Secondo gli ultimi dati Eurostat, la pandemia sta causando un forte aumento della disoccupazione giovanile, con più di 3 milioni di ragazzi senza lavoro in tutta Europa. Consapevole che sia più che mai importante concentrare l’attenzione sui giovani e sul loro futuro, anche quest’anno Nestlé ha proseguito con il suo impegno a supportare concretamente i ragazzi, assumendo ad oggi più di 180 giovani under 30, attivando 80 stage nelle diverse sedi del Gruppo e avviando programmi di collaborazione con startup e giovani imprenditori.

“Noi di Nestlé da tempo siamo impegnati a offrire opportunità a ragazze e ragazzi attraverso assunzioni, stage, attività formative e orientamento al lavoro. Mai come quest’anno, però, abbiamo imparato quanto i giovani possano interpretare un ruolo importante nelle nuove sfide che ci attendono”, ha commentato Marco Travaglia, presidente e amministratore delegato Gruppo Nestlé Italia e Malta.

“La pandemia ha avuto e continua ad avere un forte impatto sulle nostre vite, costringendoci a cambiare radicalmente il nostro modo di lavorare e di operare nella società. In questo nuovo scenario i giovani dovranno essere protagonisti. Per questo motivo, come Gruppo Nestlé siamo determinati a offrire il supporto necessario per contribuire a evitare una 'generazione lockdown' e favorire il loro sviluppo e le loro iniziative”, ha aggiunto.

I programmi di Nestlé a sostegno dei giovani ruotano attorno al progetto Nestlé Needs YOUth, inaugurato nel 2013, che è stato il primo programma di educazione e formazione lanciato da un’azienda a livello globale con l’obiettivo di contrastare la disoccupazione giovanile e dare accesso a opportunità economiche a 10 milioni di giovani in tutto il mondo entro il 2030.

L’iniziativa poggia su quattro pilastri: inserimenti diretti in azienda, stage e tirocini, attività di formazione e di orientamento al lavoro e coinvolgimento di aziende nel progetto Alliance4YOUth, di cui Nestlé è membro fondatore e che finora, a livello europeo, ha offerto 450.000 posti di lavoro o esperienze formative, di cui circa 22.000 grazie a Nestlé.