Lavoro: Nisini, 'su proroga blocco licenziamenti Orlando rompe con aziende'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 24 mag. (Adnkronos) – Sulla proroga del blocco dei licenziamenti ad agosto il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, "ha rotto un patto con le aziende e con tutti gli attori in gioco. Era stato costruito un accordo che durava di fatto già da un anno, con la cassa integrazione Covid legata al blocco dei licenziamenti condiviso anche da Confindustria e che le aziende, con grande difficoltà, avevano sottoscritto. In più questa deroga, inserita a sorpresa del ministro fuori sacco, mette in discussione le regole contenute nel decreto Sostegni-uno: lì si parlava di proroga di 13 settimane del blocco dei licenziamenti, vale a dire fine giugno". Lo afferma Tiziana Nisini, sottosegretaria del Ministero del Lavoro ed esponente della Lega, intervistata dal Messaggero.

Nisini dice di non essere stata informata della proroga "e non erano informati neppure i nostri ministri, visto che questa proroga non era nella bozza del decreto. E' stata una sorta di imboscata. Non condivido questa misura né per il metodo, né per il merito".

Le aziende, continua, "hanno bisogno di programmazione, di riorganizzazione, invece non hanno alcuna certezza. Il ministro del Lavoro ha cambiato le carte in tavola da un giorno all'altro, ha rotto un patto. Nessuno dice no in assoluto al blocco dei licenziamenti, ma deve esserci un equilibrio tra lavoratori e datori di lavoro. Aggiungo: se alle aziende non si danno gli strumenti per ripartire, il problema si riproporrà a settembre, finiti i due mesi di proroga che Orlando ha aggiunto all'ultimo secondo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli