Lavoro: Orlando, 'Bonaccini? Non del tutto d'accordo, servono sia politiche che regole'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 set (Adnkronos) – "Non sono del tutto d'accordo. L'Emilia Romagna è una esperienza molto avanzata, ma anche aver precarizzato il lavoro ha incoraggiato un percorso di competizione basato sullo sfruttamento del lavoro piuttosto che sugli investimenti, sul capitale e sulla ricerca". Lo ha detto Andrea Orlando, a Agorà, replicando alle affermazioni di Stefano Bonaccini sul lavoro.

"Ci vogliono tutte e due le cose, le politiche industriali, è vero, ma anche regole più compatibili con una stabilità del lavoro -ha spiegato il ministro del Lavoro-. Questo perchè se chiediamo ai lavoratori di investire fortemente sulle loro capacità, sul miglioramento delle loro competenze, non gli possiamo offrire contratti di tre mesi. Sono cose incompatibili con modelli in cui si lavora per migliorare il capitale umano".

Orlando ha aggiunto: "E poi ormai essendo il mercato integrato, con la possibilità per le persone di muoversi, se non diamo salari più alti e regole per un lavoro più stabile avremo fenomeni a carattere migratorio perchè i lavoratori vanno a cercare salari più alti, lavori stabili, crescita professionale più rapida in imprese più grandi".