Lavoro, Pd: governo trovi soluzione per guardie giurate

Pol/Tor

Roma, 2 ago. (askanews) - "Ieri e oggi per qualcuno potrebbe esser stato difficile prelevare da un bancomat o ritirare la propria pensione alla posta. La ragione è semplice e riguarda lo sciopero di migliaia di Guardie Particolari Giurate che, da oltre tre anni, lavorano con un contratto scaduto e che non si riesce a rinnovare a causa di una trattativa complicata e difficile, dove organizzazioni sindacali e organizzazioni datoriali non riescono a trovare soluzione condivisa. Vorrei esprimere vicinanza a queste lavoratrici e questi lavoratori che quotidianamente rischiano la vita per poco più di 1000 euro al mese, con turni massacranti, riposi saltati e vanno incontro a malattie professionali come lo stress da lavoro correlato e molto altro". Lo dichiara Giuseppe Provenzano, responsabile Lavoro del Pd.

"La Lega che ciancia ogni giorno di sicurezza, che ha venduto a questi lavoratori l'illusione di rappresentarli - prosegue- dov'è, cosa fa? I due vice premier sono entrambi competenti in materia, e quando non in vacanza sono impegnati nella sceneggiata continua dei loro scontri. Chi paga per questo? Lo sciopero di due giorni a questi lavoratori e alle loro famiglie costa caro. Salvini e Di Maio si mettano a lavoro. Il Governo faccia il suo lavoro, assuma impegni sugli appalti per Vigilanza e Portierato almeno nei settori pubblici, e favorisca, con ogni mezzo possibile, la firma di un contratto che tutti i lavoratori del settore chiedono da anni".