Lavoro: Provenzano, 'in epoca algoritmo servono diritti'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 giu. (Adnkronos) – "Il quadro internazionale sta cambiando e l’Europa ne è protagonista. La svolta rappresentata da Biden completa una cornice nella quale il Partito democratico deve lavorare per far avanzare la giustizia sociale nel nostro Paese". Così il vice segretario Pd, Peppe Provenzano, intervenendo al webinar 'Una nuova agenda sociale per l'Italia e l'Europa'.

“Siamo di fronte ad un cambiamento sempre più profondo dettato dai nuovi paradigmi determinati dall’evoluzione tecnologica e per gestirlo abbiamo uno strumento potente, Next generation EU che deve diventare strutturale. Ma ha ragione Romano Prodi, il Pnrr deve essere l’occasione per una grande trasformazione del nostro tessuto industriale. Oltre al rilancio degli investimenti, alla riforma degli ammortizzatori sociali e delle politiche attive per gestire i cambiamenti, serve una politica industriale nuova per creare lavoro 'buono'".

"La transizione ecologica e quella digitale saranno giuste se riusciremo a ridare centralità al lavoro e alla persona, promuovendo la democrazia economica. Oggi le realtà governate dall’algoritmo, pensiamo al settore della logistica, assistono ad uno sviluppo tumultuoso che spesso travolge non solo i diritti dei lavoratori ma anche quelli delle comunità locali, che non possono essere lasciaste da sole a gestire un fenomeno che ha ripercussioni sulla sostenibilità, sul consumo di suolo e sull’inquinamento".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli