Lavoro, Uil Lazio: aumenta la precarietà

Bet

Roma, 9 gen. (askanews) - Lavoro sempre più precario e a tempo. Questo quanto emerge dal report realizzato dalla Uil del Lazio, in collaborazione con l'istituto di ricerca Eures, in merito ai rapporti avviati nel 2018 e nel 2019 (fino a settembre) nella nostra regione. Nonostante il numero delle nuove attivazioni sia leggermente superiore a quello delle cessazioni, emerge però una sempre più crescente precarizzazione dell'attività lavorativa, tanto che i contratti della durata di un solo giorno hanno rappresentato ben il 36,6% del totale e sono arrivati a quota 580 mila. Non va meglio per un altro 20% di lavoratori che ha avuto contratti superiori ai 2 giorni ma inferiori ai 30. Mentre un nuovo contratto su dieci ha avuto durata superiore a tre mesi ma inferiore a un anno (19,4% del totale). Infine, sono stati appena 211 mila i contratti cessati che hanno avuto durata superiore a un anno (il 13,3% del totale). E gli ultimi mesi del 2019 appaiono, se possibile, ancora più drammatici: a differenza del biennio precedente, l'incremento delle attivazioni (+2,4%) infatti è inferiore rispetto a quello delle cessazioni (+3,4%). Nonostante i rapporti di lavoro attivati nella regione Lazio nel corso del 2018 siano stati quasi 1,6 milioni di unità (il 14,4% del totale nazionale), ovvero circa un milione in più delle cessazioni, il numero complessivo di lavoratori coinvolti da almeno un'attivazione risulta significativamente più basso e si attesta a 694 mila unità nel Lazio (6,4 milioni in Italia). Da ciò si deduce quindi che uno stesso lavoratore ha attivato, nel corso dell'anno, un numero cospicuo di rapporti di lavoro: l'indice di flessibilità si attesta infatti nel Lazio a 2,28, segnalando come in media ciascun lavoratore sia stato coinvolto da più di 2 attivazioni. Ma c'è anche chi ha superato i cento contratti in un anno. Addetti del mondo della ristorazione in testa. (segue)