Lavrov all'Asean: "Usa e Nato vogliono dominare il Pacifico. Nessun accordo su Kiev"

TANG CHHIN SOTHY / AFP

AGI - Gli Stati Uniti e la Nato stanno cercando di dominare la regione Asia-Pacifico militarizzandola. Lo ha affermato ai giornalisti il ​​ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov dal summit Asean in corso a Phnom Penh.

"Gli Stati Uniti, i loro alleati e l'Alleanza del Nord Atlantico stanno ora cercando di dominare questo spazio" ha detto il ministro russo secondo quanto riporta la Tass.

"La NATO non sta più dicendo che questa è un'alleanza puramente difensiva. Era difensiva quando esistevano l'Unione Sovietica e il Patto di Varsavia. Da allora, hanno una propria linea di difesa che hanno spostato più volte vicino ai nostri confini e ora, al vertice di Madrid di quest'estate, hanno annunciato di avere una responsabilità globale e che la sicurezza dell'Euro-Atlantico, dell'Indonesia e della regione del Pacifico è indivisibile", ha affermato il ministro.

 

Lavrov in a traditional Cambodian shirt with the leader of Singapore. pic.twitter.com/V8VIEsGQqQ

— Nina Byzantina (@NinaByzantina) November 13, 2022


Il vertice Asean in Cambogia si chiuderà senza accordo: come era prevedibile, la Russia si è opposta alla pubblicazione di un documento comune, definendo "inaccettabile" il linguaggio utilizzato sulla situazione in Ucraina da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati.

"Non c'è stato alcun accordo. Gli Stati Uniti e i loro alleati insistono su un linguaggio inaccettabile in relazione alla situazione in Ucraina, quindi verrà rilasciata una dichiarazione presidenziale", ha detto Lavrov.

Il vertice dell'Asia orientale, in cui si incontrano Stati Uniti e Russia in Cambogia, si è quindi concluso senza un comunicato congiunto perché la Russia non ha potuto accettare i riferimenti alla guerra in Ucraina richiesti dagli Usa e dagli altri alleati; Phnom Pen si limiterà a una dichiarazione presidenziale.