La guerra economica: stop della Russia al gas per Polonia e Bulgaria

·2 minuto per la lettura
no credit

AGI - Il colosso russo Gazprom sospenderà le consegne di gas a Bulgaria e Polonia da domani. Lo hanno riferito i due Paesi, dicendo di essersi preparati.

"Il 26 aprile 2022, Gazprom ha informato (la società polacca del gas) PGNiG della sua intenzione di sospendere completamente le consegne ai sensi del contratto Yamal (...) il 27 aprile", ha affermato la società polacca in un comunicato stampa.

"Oggi (martedì), Bulgargas EAD ha ricevuto la notifica che le consegne di Gazprom Export saranno sospese dal 27 aprile 2022", ha fatto sapere poco dopo anche il ministero dell'Economia bulgaro, mentre il paese dei Balcani dipende per oltre il 90% dal gas di Mosca. I due Paesi membri della Nato e dell'Unione Europea (Ue), tuttavia, si dicono pronti a ottenere il gas mancante da altre fonti.

Non mancherà il gas nelle case polacche", ha scritto da Varsavia su Twitter il ministro del Clima, Anna Moskwa. "Sin dal primo giorno di guerra, abbiamo dichiarato di essere pronti per la completa indipendenza dalle materie prime russe", ha spiegato.

Sono state intraprese “azioni per trovare soluzioni alternative per la fornitura di gas naturale e per far fronte alla situazione”, ha sottolineato da parte sua il governo bulgaro in un comunicato stampa, assicurando che “al momento” non è prevista alcuna misura di restrizione dei consumi.

Polskie domy i gospodarka są zabezpieczone na dostawy #gaz.u. Posiadamy niezbędne rezerwy oraz źródła dostaw, które chronią nasze bezpieczeństwo - od lat skutecznie uniezależnialiśmy się od Rosji.

Więcej ➡️ https://t.co/Pg6RYK3LOB pic.twitter.com/s0t4fQcvay

— Ministerstwo Klimatu i Środowiska (@MKiS_GOV_PL) April 26, 2022

Dopo l'introduzione delle sanzioni contro la Russia per l'invasione dell'Ucraina, il Cremlino ha avvertito i paesi dell'Ue che la loro fornitura di gas sarebbe stata interrotta se non avessero pagato in rubli dai conti russi. Mosca ha chiarito, tuttavia, che il prezzo del gas è rimasto denominato nella valuta dei contratti in corso, il più delle volte in euro o dollari, e che i clienti avrebbero dovuto effettuare una semplice transazione di cambio in Russia.

"La parte bulgara ha pienamente adempiuto ai propri obblighi e ha effettuato tutti i pagamenti previsti dal contratto in tempo utile", ha affermato il governo di Sofia.

E ha denunciato "la nuova procedura di pagamento in due passaggi" proposta dalla parte russa: "Non è conforme al contratto esistente fino alla fine di quest'anno e presenta rischi significativi per la parte bulgara, in particolare quello di effettuare pagamenti senza ricevere alcuna consegna di gas dalla parte russa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli