L'avvocato di Britney Spears lascia l'incarico. La stampa Usa: "Complice del padre"

·2 minuto per la lettura
US singer Britney Spears arrives for the premiere of Sony Pictures'
US singer Britney Spears arrives for the premiere of Sony Pictures'

L’avvocato di Britney Spears nominato dal tribunale, Samuel Ingham, ha chiesto di dimettersi dal suo ruolo. Ingham ha rappresentato la pop star fin da quando, nel 2008, è stata posta sotto la tutela paterna. In una recente dichiarazione pubblica al tribunale la Spears ha definito “abusante” la tutela paterna affermando di esserne “traumatizzata”, aggiungendo che il suo legale l’aveva scoraggiata dal parlare di questi aspetti. “Mi scuso della mia ignoranza. Nessuno però - ha detto la cantante - mi ha mai spiegato come farlo. Il mio avvocato mi ha detto che non posso, che non è buono, non posso lasciare che il pubblico sappia quello che mi hanno fatto”.

Inoltre, secondo fonti vicine alla cantante citate dal settimanale New Yorker, l’avvocato anziché aiutare l’artista a liberarsi dai laccioli della tutela, sarebbe stato per anni un “cavallo di Troia” di Jamie Spears e non avrebbe perso occasione di riferire a quest’ultimo ogni movimento della sua assistita.

Nessuno ha spiegato le ragioni delle dimissioni, che però sono arrivate a due settimane di distanza dalle dichiarazioni con cui la popstar chiedeva alla corte di porre fine alla tutela da parte del padre che va avanti da 13 anni.

La Spears ha spiegato: “L’avvocato aveva paura che io andassi avanti con la testimonianza”. “Mi ha detto che avrei dovuto tenerla per me”, ha detto, aggiungendo che avrebbe voluto scegliere il suo legale da sola.

Ingham era apparso sorpreso dalla dichiarazione della star, riferendo alla corte di non essere a conoscenza del suo contenuto prima che lei parlasse. L’avvocato ha aggiunto che si sarebbe fatto da parte, se la sua assistita l’avesse richiesto. Britney Spears non ha ancora presentato una richiesta formale alla corte di rivedere l’accordo. La prossima udienza è fissata per il 14 luglio.

La richiesta di dimissioni ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli