Lazio, Corte dei Conti: migliorano i conti della sanità

Bet

Roma, 23 lug. (askanews) - "La gestione sanitaria, nella Regione Lazio in stato di commissariamento, è sottoposta ad una stretta vigilanza da parte dei Tavoli di monitoraggio. La Regione è riuscita a contenere la tendenza espansiva dei costi del settore sanitario (pur se emerge un aumento degli stessi nell'anno 2018 rispetto agli anni precedenti) e ad avviare un'azione di risanamento strutturale che ha consentito di ridurre in maniera rilevante il debito del comparto sanitario che, dagli 8,08 miliardi di euro del 2012 è passato a 3,51 miliardi". È quanto emerge dal giudizio di parifica della Corte dei Conti del rendiconto generale della Regione Lazio.

"A fronte di tale riduzione, risulta tuttavia ancora elevato il debito della Regione riferito alla sanità che deve aggiungersi a quello proprio del comparto sanitario e che ammonta, al 31 dicembre 2018, a 9,52 miliardi, con una riduzione di circa 256 milioni rispetto all'anno 2016. Emerge anche la presenza di un consistente debito potenziale dovuto a un rilevante ammontare di contenzioso con i creditori delle aziende sanitarie che se pur fronteggiato, secondo quanto espresso dalla Regione, da un congruo fondo rischi, necessita di appropriati monitoraggi e controlli. Tale rilevante esposizione debitoria si ripercuote sui costi della gestione in termini di interessi passivi e oneri finanziari, pari nell'anno 2018 a 71,2 mln di euro solo per il comparto sanitario. Questa Corte ritiene essenziale, data la presenza di una molteplicità di centri decisionali di spesa in ambito sanitario, la esplicitazione dell'eventuale mancato raggiungimento dei risultati programmati, al fine di attuare le dovute correzioni, sia nei confronti delle singole aziende sanitarie che dei settori nei quali si concentra la gestione di rilevanti risorse, anche al fine di premiare realtà più efficienti rispetto ad altre. La riduzione dei costi incongrui permetterebbe di liberare risorse che potrebbero essere allocate in altri settori, quali gli investimenti. La Regione dichiara che il mandato commissariale ha assicurato il miglioramento dei Lea che risulta in netta crescita rispetto al passato, come accertato dagli organi competenti", conclude il documento.