Lazio: Gasbarra, destra nel bunker. Pd lasci regione per cambiamento

(ASCA) - Roma, 22 set - ''Davanti a una cosi' gigantesca

disfatta politica e morale della coalizione che da tre anni

governa il Lazio la risposta del centro destra e della

presidente Polverini e' stata quella di arroccarsi in un

bunker. Nonostante le responsabilita' siano ben individuate,

tutti devono riflettere e tutti sono chiamati al cambiamento.

Noi dobbiamo dimostrarlo subito''.

Lo afferma in un comunicato il segretario del Pd Lazio,

Enrico Gasbarra, che aggiunge: ''C'e' bisogno di un

elettroshock, c'e' bisogno ricollegare questa istituzione con

il suo popolo. C'e' bisogno di un nuovo grande progetto di

ricostruzione, di rigenerare la politica e di dare al Lazio

subito un nuovo governo regionale capace di risolvere i

drammatici problemi dei cittadini''.

''Il PD -spiega Gasbarra- mettera' in campo tutte le

azioni piu' concrete per tornare immediatamente al voto,

dando sostegno, anche con i Circoli, alla mozione di sfiducia

presentata dagli eletti in Consiglio regionale affinche'

diventi una mozione popolare di sfiducia e di scioglimento

dell'Assemblea''.

''Sicuro dello spirito di servizio a cui tutti si sentono

chiamati chiedo ai consiglieri regionali del Pd la

disponibilita' a mettere in atto tutti i gesti e le azioni

piu' concrete per raggiungere l'obiettivo del voto. La

particolare fase politica impone ai partiti da una parte e

agli eletti dall'altra un'azione straordinaria dentro il

Consiglio regionale e fuori, nei territori''. ''Sono certo -

conclude Gasbarra - che tutto il partito e tutti gli eletti

sapranno raccogliere il grido di cambiamento che i cittadini

invocano e tutti insieme lavoreremo per tornare al voto''.

Ricerca

Le notizie del giorno