Lazio: test, Zingaretti a direzione centrale sanit polizia

Bet

Roma, 24 giu. (askanews) - "Nel Lazio abbiamo avviato la pi importante campagna di test sierologici del Paese, con un'attenzione particolare a chi anche in questa fase in prima linea, a partire dalle forze dell'ordine e dagli operatori sanitari. Il contributo di tutti gli operatori della Polizia di Stato stato straordinario e oggi innanzitutto l'occasione per ringraziarli. Sono molto soddisfatto della rapidit con cui stiamo procedendo, in linea con la nostra strategia delle tre T: "testare, tracciare, trattare" che stata per noi fin dall'inizio un'arma decisiva nella lotta al virus. Fino ad oggi infatti abbiamo effettuato oltre 31 mila test sierologici sugli operatori delle Forze dell'ordine. La strategia fino ad oggi adottata sta funzionando e gli sforzi sino ad ora fatti sono stati determinanti nel contenimento del Covid-19. Per questo ringrazio ancora il Seresmi, lo Spallanzani e tutti gli operatori impegnati in questo enorme sforzo organizzativo. I risultati ottenuti, tuttavia, non devono farci abbassare la guardia, in particolare guardando ai prossimi mesi fondamentali che ci separano - come speriamo - dall'arrivo del vaccino. Questa la strada giusta da percorrere e in cui credere, per uscire definitivamente da un periodo da archiviare, di cui parlare come storia e non pi come cronaca". Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Lazio,Nicola Zingarettiche questa mattina ha visitato la Direzione Centrale di Sanit della Polizia di Stato per fare il punto della situazione sui test sierologici. All'evento erano presenti il Capo della PoliziaFranco Gabrielli, l'Assessore alla Sanit della Regione LazioAlessio D'Amato, il Direttore del Servizio Affari Generali di Sanit della Direzione Centrale di Sanit della Polizia di StatoFabrizio Ciprianie il Direttore Sanitario dell'Istituto SpallanzaniFrancesco Vaia. "Questa mattina stata l'occasione per visitare i laboratori e salutare i professionisti della Polizia di Stato. Stiamo realizzando un'indagine di sieroprevalenza che si rivolge alle categorie pi esposte come appunto gli operatori sanitari e quelli delle forze dell'ordine con un duplice obiettivo: avere un quadro della circolazione del virus e, nel caso di valore positivo alla sieroprevalenza, l'esecuzione immediata del test molecolare al seguito del quale in caso di positivit si procede all'isolamento. Questo sistema integrato di test e tamponi sta funzionando e ci permette di individuare i casi pi difficili come appunto gli asintomatici" ha commentato l'AssessoreD'Amato.