Lazio, Zingaretti: appello ai commercianti, rispettate le regole

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 feb. (askanews) - "Vorrei fare un appello ringraziando, perché hanno sofferto molto e hanno resistito in maniera straordinaria, tutti gli esercizi commerciali della ristorazione bar pub ristoranti, che da qualche giorno hanno riaperto perché siamo tornati in zona gialla". Così il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a margine dell'apertura del nuovo centro vaccinale Covid all'Auditorium Parco della Musica a Roma. "Il Lazio è tra le regioni italiane che è stata più a lungo in zona gialla con la parentesi della zona arancione, l'appello che faccio con tutto il cuore, dicendo che so che abbiamo sofferto ma ora, per favore, distanziate i tavoli, evitate assembramenti all'interno degli esercizi commerciali, anche nei luoghi esterni e soprattutto quando i clienti si affollano in questi esercizi, anche perché dopo tanto tempo viene voglia di farlo. L'appello che faccio è distanziate il più possibile i tavoli. So perfettamente che questo ha un costo economico ma noi dobbiamo governare i picchi pandemici o c'è un rischio di un ritorno indietro. Quindi torniamo alla vita, questo è ovvio, ma facciamolo rendendoci conto che non solo il virus non è scomparso, ma è presente anche con la variante inglese e con altre varianti, forse meno gravi ma molto più aggressive dal punto di vista della diffusione del virus. Quindi bene che abbiamo riaperto, riprendiamoci la vita, ma faccio l'appello: ora non scherziamo, è meglio 3 tavoli in meno ma la possibilità di non tornare più a chiudere", ha aggiunto il governatore del Lazio. "Grazie anche a tutti i commercianti del Lazio: girando la città si vede come con gli igienizzanti per le mani, i cartelli sulle vetrine dei negozi, il mondo del commercio è diventato un presidio positivo che ricorda a tutti e a tutte l'esistenza della pandemia, e grazie perché per lavorare e guadagnare nessuno è stato mai chiuso ma sempre sono stati in strada a svolgere il loro lavoro", ha aggiunto Zingaretti. "Anche al mondo del commercio dico: è meglio una persona fuori che 5 all'interno in un locale troppo affollato. Questa è una cosa che garantisce la tutela e la salute delle persone e ci permette di continuare a rimanere in zona gialla senza nessuna chiusura. Perché come sapete sono gli algoritmi matematici che decideranno la fascia in cui la nostra regione si trova. Finora abbiamo tenuto ora facciamo un ultimo sforzo, la campagna di vaccinazione va avanti ed è importante che tutti Ci sentiamo impegnati in questa battaglia", ha concluso il presidente della Regione Lazio.