Lazio, Zingaretti: sanità era una catastrofe, ora ricostruzione

Red

Roma, 31 gen. (askanews) - "La cosa più importante è dire la verità ai cittadini: la sanità del Lazio era una catastrofe per colpa del blocco della assunzioni per il blocco degli investimenti per il blocco delle procedure di pianificazione del sistema. Siamo in una fase di ricostruzione della tragedia che ha voluto dire passare da 60 a 3.500 assunti all'anno e oggi con il nuovo decreto continuiamo con questa politica di assunzioni".

Così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, spiegando di avere firmato "il decreto per 60 nuovi primari, è il secondo in nove mesi rispetto al precedente di 68 primari e proprio ieri sono uscite le graduatorie dei nuovi 200 precari stabilizzati nella sanità che portano a 1.301 lavoratori i precari stabilizzati. Quindi partono i concorsi, si concluderanno entro il 2018 un lavoro iniziato due anni fa finalmente con la pianificazione per ricostruire dopo anni di niet e di rinunce un sistema malato che dobbiamo ricostruire però i concorsi sono un altro faro che punta non solo alla ricostruzione ma alla qualità delle cure ai nostri concittadini" ha aggiunto.