Le 10 auto più belle del 2020

Red
·9 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 dic. (askanews) - Nonostante il 2020 non sia certo stata un'ottima annata per il mondo dell'auto a causa della pandemia - solo in Europa è stato registrato un -26% delle vendite nei primi 11 mesi dell'anno rispetto al 2020 - non è mancato l'arrivo di nuovi modelli di diversi costruttori automobilistici. Ne abbiamo selezionati 10 tra i più belli e significativi.

Cupra Formentor Primo modello espressamente realizzato per il marchio Cupra, la Formentor stupisce per un design che non passa certo inosservato realizzato dal team di Alejandro Mesonero (oggi numero uno del design del marchio Renault). Sinuosa e sportiva, la crossover spagnola è offerta con diverse motorizzazioni, anche ibride. La top di gamma è la 2.0 Tsi da 310 cavalli e quattro ruote motrici (qui la nostra prova), mentre la versione d'ingresso è spinta da un 1.5 turbo benzina da 150 cavalli.

Costruita sulla piattaforma Mqb-evo del gruppo Volkswagen, la Formentor è compatta, 4,45 metri di lunghezza, 1,83 di larghezza e 1,57 di altezza con 450 litri di volume del bagagliaio, e va ad inserirsi in un mercato in rapida espansione a livello globale, Italia compresa. Prezzi da 31.250 euro.

Fiat 500e La Nuova 500 è 100% elettrica. Lo storico modello torinese cambia per non cambiare mai: la propulsione a zero emissioni l'ha reso più attuale che mai, ma il centro stile Fiat è riuscito a mantenerne intatto il fascino, aggiungendo modernità e tecnologia a un simbolo dell'automobilismo globale (qui la nostra prova). Disponibile anche in versione cabriolet o a tre porte, chiamata 3+1, la 500 elettrica è la prima auto a zero emissioni prodotta su larga scala dal gruppo Fiat Chrysler.

La citycar è proposta in due versioni di potenza: motore da 70 chilowatt e pacco batterie da 23,8 chilowattora per un'autonomia di 180 chilometri, o propulsore da 87 chilowatt e accumulatori da 42 chilowattora per una percorrenza dichiarata di 320 chilometri. La 500e ha fatto il pieno di tecnologia grazie a un sistema infotainment completamente nuovo e connesso in rete e a sistemi di assistenza alla guida al passo con i tempi. Prezzo da 26.150 euro.

Gac Enpulse Sportiva ed elettrica. La Enpulse è un prototipo di una due posti elettrica del costruttore cinese Gac cui potrebbe seguire a stretto giro un modello di serie. La vettura nasce dalla sapiente mano di Pontus Fontaneus, oggi capo del design studio Gac di Los Angeles con un passato in Kia, Volvo e Faraday Future, "per dimostrare le nostre capacita nella creazione di un prodotto realmente significativo nel mondo delle auto sportive".

La GAC Enpulse è costruita su una piattaforma modulare per veicoli elettrici di proprietà del costruttore cinese, che ha dato la libertà ai designer di realizzare proporzioni compatte ed equilibrate. Il profilo è pulito e scultoreo ed è presente una sola linea principale che sale dal brancardo e arriva al posteriore. Gli interni sono minimalisti. L'abitacolo è racchiuso da una sorta di anello che offre agli occupanti una sensazione di protezione, mentre l'infotainment, essenziale, si compone di due piccoli schermi, uno al centro della plancia, l'altro alla sinistra del guidatore.

Hyundai Prophecy Nessuno si sarebbe mai aspettato di vedere una Hyundai con queste forme. La Prophecy è una concept car elettrica con l'architettura di una coupé a quattro porte elegante e sportiva. "Quando sono arrivato in Hyundai ci siamo resi conto che il design delle vetture doveva fare un grosso passo avanti e questa concept car racchiude tutti gli sforzi del nostro lavoro", dice Luc Donckerwolke, Executive Vice President Design del gruppo Hyundai.

Tra gli elementi di maggior rilievo c'è la fiancata, senza maniglie di apertura delle portiere e caratterizzata da una linea che parte dai proiettori e arriva fino al posteriore, da cui origina una curva chiamata 'One Bow'. Il trattamento delle superfici, minimalista ed estremamente pulito, ricorda una pietra levigata dal mare o dal vento. Anche gli interni stupiscono: la plancia è composta da un unico schermo curvo, mentre i Led posizionati nei pannelli porta riproducono un motivo che ricorda la grafica di un maglione di lana, la stessa ripresa per i sedili. L'abitacolo è stato concepito come uno spazio aperto dove volante e pedali hanno lasciato il posto a due joystick da cui si controllano le principali funzioni di guida.

Maserati MC20 Due posti secchi, motore centrale e prima Maserati con monoscocca in fibra di carbonio. La MC20 è il nuovo manifesto stilistico del costruttore modenese. "Abbiamo una storia sportiva che andava portata in pista", dice Klaus Busse, capo del design Maserati e responsabile dello stile di Fca in Europa, Medio Oriente e Africa.

Tutta "Made in Modena", la Maserati MC20 arriverà anche in versione 100% elettrica. La termica è spinta dal 3.0 V6 biturbo da 630 cavalli e 730 newtonmetri di coppia per coprire lo 0-100 in appena 2,9 secondi e arrivare in scioltezza a 325 all'ora di velocità massima. Nonostante questa aggressività, la MC20 ha l'eleganza di una vera Maserati grazie alle sue poche linee e alla mancanza di inutili orpelli stilistici. La sportiva italiana ha conosciuto la rivoluzione digitale, grazie alla strumentazione digitale e al nuovo sistema infotainment controllabile da un display da 10,25 pollici al centro della plancia. Prezzi a partire da 215mila euro.

Mercedes-Benz Classe S La Mercedes-Benz Classe S è una delle vetture più tecnologiche del 2020 (qui la nostra prova). La nuova generazione dell'ammiraglia più venduta al mondo ha motori benzina, diesel o ibridi, volumi morbidi, proiettori e fanali sottili, superfici levigate. "Caratteristiche che ci hanno permesso di raggiungere risultati aerodinamici unici: il coefficiente di resistenza all'aria è di 0,22, un numero sorprendente per qualsiasi auto, ancor di più per un'ammiraglia", dice Gorden Wagener, capo del design del gruppo Daimler.

Se gli esterni fanno certamente la loro figura, gli interni sbalordiscono. Superfici levigate e materiali di lusso sono sapientemente mixati creando un'atmosfera rilassante e ovattata, mentre l'abitacolo è letteralmente ricoperto dagli schermi. Se ne possono avere fino a cinque, il più grande è l'Oled verticale da 12,8 pollici posizionato all'estremità del bracciolo centrale. La nuova Classe S supporta la guida autonoma di livello 3, in cui il guidatore può in determinate situazioni staccare le mani dal volante. Arriverà su alcuni mercati a metà del 2021 e potrà essere utilizzata fino a 60 chilometri orari sulle autostrade selezionate da Mercedes-Benz e solo in una situazione di traffico con veicoli che la precedono. Prezzi da 107.644 euro.

Mercedes-Benz Vision AVTR Svelata al CES di Las Vegas 2020, la concept car Vision AVTR anticipa contenuti e stile delle Mercedes che verranno. Il prototipo si ispira al film di fantascienza Avatar di James Cameron e, proprio come gli Avatar, l'obiettivo è quello di farlo assomigliare a una creatura vivente in perfetta sintonia con la natura e gli occupanti. Se gli esterni sono realizzati da sole superfici curve per una forma finale decisamente d'effetto, gli interni sono un tripudio di schermi per l'interazione tra uomo e macchina.

A bordo sono assenti i tradizionali comandi per la guida: la vettura è completamente autonoma e l'abitacolo viene vissuto dai passeggeri come uno spazio da abitare. La AVTR è, ovviamente, elettrica e ha quattro motori, uno per ogni ruota, per una potenza totale di 344 chilowatt (469 cavalli), alimentati da una batteria da 110 chilowattora completamente compostabile (a base di grafene) capace di garantire fino a 700 chilometri di autonomia: pare che sia questa la vera anticipazione della concept car che vedremo presto sui prossimi modelli a zero emissioni del costruttore premium tedesco.

Nissan Z Proto La Nissan Z Proto prefigura le linee e i contenuti del modello che andrà a sostituire la 370Z, la coupé del costruttore giapponese lanciata nel 2009. La vettura è una sportiva vecchio stile dedicata ai puristi della guida: motore anteriore, trazione posteriore, nessun tipo di elettrificazione e cambio manuale. L'impatto estetico del prototipo è evidente: il centro stile Nissan è riuscito a darle una nuova identità pur conservando molti degli elementi visti su diverse sportive d'epoca del marchio.

Una su tutte è la Nissan Fairlady Z del 1969, primo modello della stirpe delle Z, fortemente riconoscibile nella lavorazione del fianco e nel trattamento del posteriore verticale. "La Serie Z è un'eccellenza di Nissan da oltre 50 anni e rappresenta lo spirito di questo brand. Assieme alle vetture elettriche, anch'essa è un modello chiave del nostro piano di trasformazione", dice il ceo di Nissan Makoto Uchida. Il modello di serie della Nissan Z Proto dovrebbe chiamarsi 400Z ed essere spinto da un nuovo motore V6 alimentato da due turbo compressori per una potenza di circa 400 cavalli.

Polestar Precept Avrebbe dovuto debuttare lo scorso marzo al Salone di Ginevra. Nonostante il grande pubblico non abbia potuto ammirarne le forme dal vivo, la Polestar Precept, concept car di berlina elettrica, rimane uno dei prototipi più interessanti del 2020. "Quest'auto è un manifesto che rappresenta i nostri valori, elettrificazione, attenzione all'ambiente e sostenibilità, e una nuova filosofia stilistica pura, aggressiva e performante", dice Thomas Ingenlath, ceo di Polestar.

La Polestar Precept verrà prodotta entro tre anni come modello di serie. Sarà il terzo modello del giovane marchio, dopo la coupé ibrida Polestar 1 e la berlina elettrica Polestar 2, e verrà costruita in Cina nella nuova fabbrica 'carbon neutral'. Nulla è stato ufficialmente comunicato per ciò che riguarda la potenza del motore elettrico, ma è possibile che il nuovo modello sfrutti lo stesso della 2 da 380 chilowatt (408 cavalli) e 660 newtonmetri di coppia con un pacco batterie da 78 chilowattora.

Sony Vision-S L'auto più interessante del CES di Las Vegas 2020, la fiera di tecnologia più importante al mondo, non è opera di un costruttore d'automobili. La Vision-S è infatti stata realizzata dal colosso tech Sony e disegnata dall'austriaca Magna Steyr. "La Vision-S è un punto di incontro di diverse discipline, dal design alla sicurezza, dal confort all'intrattenimento", spiegavano i manager della società giapponese. In questi mesi si stanno svolgendo i primi test su strada del prototipo marciante, mentre la realizzazione del modello avverrà in Austria, a Graz.

La Vision-S è un'elegante berlina elettrica mossa due motori elettrici da 200 chilowatt di potenza, in grado di scattare da 0 a 100 chilometri orari in 4,8 secondi. Il modello è letteralmente ricco di tecnologia e per il suo sviluppo Sony si è avvalsa di altri partner come Bosch, ZF, Brembo e Nvidia. Il software che gestisce tutte le tecnologie di bordo è controllato attraverso l'utilizzo dell'intelligenza artificiale e la vettura è sempre connessa in rete (5G), mentre i 33 sensori presenti all'interno e all'esterno del veicolo rilevano oggetti e riconoscono i gesti dell'uomo.