Le 5 abitudini per vivere 10 anni in più senza malattie

webinfo@adnkronos.com

Seguire uno stile di vita sano e attivo permette di guadagnare fino a 10 anni di vita in buona salute, senza il peso di malattie cardiovascolari o di tumori. In particolare, le donne possono ottenere ben 10 anni - e gli uomini sette - di vita liberi da cancro, problemi cardiaci e diabete di tipo 2, grazie a uno stile di vita sano. Lo suggerisce uno studio americano, pubblicato sul 'Bmj'. Per riuscirci, assicurano i ricercatori, basta fare attività fisica in modo regolare, bere con moderazione, mantenere un peso sano, seguire un'alimentazione corretta e non fumare. 

La ricerca statunitense si basa sui dati di 111.000 persone seguite per oltre 20 anni. L'autore principale del lavoro, Frank Hu dell'Harvard School of Public Health di Boston, ha affermato che da questo studio arrivo "un messaggio positivo per il pubblico. Si guadagnano non solo più anni di vita, ma anni buoni, attraverso scelte migliori". All'età di 50 anni ai partecipanti è stato chiesto se soddisfacessero almeno quattro dei seguenti cinque criteri: non fumare mai, seguire una dieta sana ed equilibrata, fare 30 minuti di attività moderata o vigorosa ogni giorno, avere un indice di massa corporea (Bmi) tra 18,5 e 24,9, non bere più di un bicchiere di vino al giorno per le donne e una pinta di birra per gli uomini.  

Ebbene, le donne che hanno dichiarato di rispettare quattro criteri su cinque hanno vissuto in media altri 34 anni senza cancro, malattie cardiovascolari (come infarto e ictus) e diabete di tipo 2: oltre 10 anni in più rispetto alle coetanee. Per gli uomini, seguire uno stile di vita sano si è tradotto in altri 31 anni di vita libera da malattie: oltre sette anni in più rispetto agli altri. 

Non solo. Gli uomini e le donne più sani fra quelli seguiti nello studio non avevano mai fumato. E se le donne appaiono avvantaggiate (ma hanno anche un'aspettativa più lunga) alcuni elementi si sono rivelati efficaci per entrambi i sessi: uno stile di vita sano non solo riduce il rischio di cancro, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2, ma migliora anche la sopravvivenza nel caso venga diagnosticata una di queste patologie.