Le accuse di Biden a Putin provocano dissenso tra i moscoviti

·1 minuto per la lettura
featured 1247552
featured 1247552

Milano, 17 mar. (askanews) – I moscoviti esprimono la loro disapprovazione per le dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che in un’intervista ha concordato con una valutazione sul suo omologo russo Vladimir Putin, quale “assassino”.

Garry, musicista, 60 anni: Joe Biden “sta tentando di provocare uno scandalo. Ha bisogno di un confronto con la Russia. Loro (gli Stati Uniti, ndr) sono sempre stati i nostri avversari. Vogliono fare tutto il possibile per distruggere la Russia, ma non avranno successo. Abbiamo Dio dalla nostra parte, siamo il paese più forte del mondo, quando si tratta di spiritualità”.

La gente cammina per strada, apparentemente incurante dell’attualità politica, ma in realtà, Anna Voznesenskaya, attrice, 50 anni, ha le idee chiare: “Putin incarna la Russia, ci rappresenta come nostro presidente. È la persona che rappresenta tutti noi, anzi, questo è un attacco alla Russia”

E anche Vitaly, avvocato, 33 anni, la pensa allo stesso modo: “Certo, questo non aiuta le relazioni tra i nostri paesi. Che Putin sia un” killer ” non è stato dimostrato. Non c’è stato alcun processo. Il presidente degli Stati Uniti – una grande potenza che tutti ammirano – non ha il diritto di dirlo”.