Le aspettative sul primo faccia a faccia dopo 10 anni e un’agenda difficilissima sui punti di accordo

https://www.facebook.com/photo/?fbid=900223344719931&set=bc.AbrwWPtUJoFiKpgq5VVATHghb1KS-14Kj-JX6V_h
https://www.facebook.com/photo/?fbid=900223344719931&set=bc.AbrwWPtUJoFiKpgq5VVATHghb1KS-14Kj-JX6V_h

Oggi, alla vigilia del G20 in Indonesia a cui parteciperanno entrambi, ci sarà l’atteso incontro fra Joe Biden e Xi Jinping, e da cosa si diranno i due leader di Usa e Cina dipenderà buona parte dell’agenda geopolitica dei prossimi tre anni. Le aspettative sul primo faccia a faccia dopo 10 anni sono molte e tuttavia cozzano almeno teoricamente con un’agenda difficilissima sui punti di accordo.

Oggi l’incontro fra Biden e Xi Jinping

Il primo incontro di persona fra Biden e Xi avvenne a Pechino 10 anni fa, poi c’era stato il summit a distanza del 2021 con Biden presidente in carica ed oggi Joe Biden e Xi Jinping tornano a vedersi faccia a faccia. Il vertice è previsto per oggi a Bali, alla vigilia dell’inizio del G20. Ci sono possibili difficoltà, nel senso che nel 2011 le relazioni tra Usa e Cina erano discrete tendenti al buono, ma oggi non è più così.

Come andavano le cose 10 anni fa

Se 10 anni fa e da vicepresidente degli Stati Uniti Biden non esitò a rivelare il suo “grande ottimismo” per i rapporti bilaterali dei successivi 30 anni, oggi quell’ottimismo non c’è più. Vero è che Biden vorrebbe di nuovo “cooperare” con Pechino, ma il dato è che i due paesi non sono d’accordo praticamente su nulla: da Taiwan alla guerra in Ucraina, dalla Corea del Nord al trasferimento di tecnologia Washington e Pechino la pensano molto diversamente e sarà difficile che oggi qualcuno cambi idea.